string(15) "575,577,493,128"

Pronte per la prova costume? Vi aiuto io!

 

L’estate si avvicina e quei 2-4 Kili di troppo pesano come un macigno. Come fare per perderli in un mese ed essere pronti per la prova costume? Di seguito vi proporrò un esempio di dieta settimanale che vi permetterà di ritrovare la vostra forma in 30 giorni!

Quella che vi propongo io è una DIETA DISSOCIATA, basata sulla teoria di Hay secondo la quale i cibi si possono dividere in gruppi (acidi e basici) incompatibili tra loro essendo digeriti dal nostro organismo in tempi e modi diversi. E’ una dieta che tende a sgonfiare rapidamente e migliora notevolmente il processo digestivo diminuendone anche la durata. I principi base su cui questo tipo di alimentazione si basa possono essere riassunti così:

  • Non mangiare mai nello stesso pasto proteine e carboidrati.

  • Non mangiare mai nello stesso pasto proteine di tipo diverso. La stessa cosa vale per i carboidrati.

  • Le verdure possono essere mangiate in quantità illimitate, associate sia ai pasti proteici che ai carboidrati.

  • Mangiare frutta lontano dai pasti

  • Non bere acqua durante i pasti (smettere circa mezz’ora prima e ricominciare mezz’ora dopo).

Per quanto riguarda le dosi, queste non esistono, ed eccovi qua tutti ad esultare! Fate bene, ma attenzione! Questo “pregio” è un coltello a doppia lama. Possiamo sì abbandonare la noiosissima e tristissima bilancia da cucina, ma dobbiamo stare attenti a non esagerare. Mi spiego meglio: in questa tipologia di alimentazione non ci interessa che vengano mangiati 80gr di pasta o 150gr…., ma 500gr è troppo anche per Hay e la sua dieta dissociata! I consigli che posso darvi io in merito a questo argomento sono due: limitarsi con le proteine ma soprattutto con i carboidrati abbondando invece di verdure, smettere di mangiare appena ci sentiamo sazi non arrivando mai a sentirsi pieni.

Prima di proporvi un esempio settimanale vi consiglio qualche alimento amico:

 

  • Acqua, limone e zenzero al mattino appena svegli. Infinite le proprietà benefiche di questa bevanda, cito solo che attiva il metabolismo (zenzero) e detossifica l’organismo (limone)

  • Acqua: bere tanto, soprattutto in questi periodi caldi.

  • Tisane depurative.

  • Farina integrale.

  • Asparagi. Poverissimi di calorie ma ricchi di sostanze con effetto diuretico che aiutano ad eliminare le tossine.

  • Spinaci, ricchissimi di fibre. Ottimi sia crudi che cotti.

  • Pomodori: accelerano il metabolismo.

  • Cetrioli: grazie alla grande quantità di acqua in essi presente, rappresentano degli ottimi idratanti ed aiutano a combattere la cellulite.

  • Papaya: migliora la digestione.

  • Ananas, famosissimo alimento brucia grassi.

  • Noci: aumentano la capacità del nostro organismo di bruciare i grassi.

 

Di seguito vi proporrò un esempio di menù settimanale in due forme: generale e dettagliato. Nel menù dettagliato mi piace inserire delle ricette dietetiche ma gustose (alcune delle quali sono consultabili sulla mia pagina facebook NutriEl. Preciso che non sono mie, ma frutto di una scrupolosa ricerca su internet), perché si capisca che la dieta non è sacrificio e tristezza, ma può essere piena di gusto e salute. Ai miei pazienti fornisco sempre entrambe le tipologie perché so che c’è chi preferisce sentirsi più libero nelle scelte, chi al contrario ha bisogno di essere seguito passo passo, chi inizialmente segue alla lettera il menù per poi imparare a gestirsi le combinazioni alimentari da solo. A mio avviso è importante che la nutrizionista riesca a capire chi ha davanti, il suo rapporto con il cibo e con il suo corpo. La relazione nutrizionista-cliente deve essere di reciproca comprensione e fiducia ed è importante cercare un punto di incontro (per esempio: tu rinunci a qualcosa, io ti aggiungo qualche soddisfazione!) Per questi motivi, soprattutto se il peso da perdere è considerevole, è sempre indicato rivolgersi ad uno specialista.

Ora l’attesa è finita: ecco qua l’esempio di un menù settimanale che vi permetterà di perdere in 30 giorni quei 2-4 Kili di troppo e sentirsi così perfette per la prova costume.

FORMA GENERALE DI DIETA

COLAZIONE:

Bicchiere acqua con limone (prima della colazione, a digiuno) oppure acqua con limone e zenzero

+

Caffelatte parzialmente scremato oppure the

+

2 fette biscottate e marmellata o miele oppure 1 fetta di pane integrale con marmellata o miele oppure yogurt greco con cereali oppure 5/6 biscotti secchi

 

N.B. Per i “cereali da colazione” ci sono alcune caratteristiche su cui focalizzare l'attenzione: il contenuto calorico dev'essere inferiore alle 300 Kcal per 100 grammi, la presenza di fibra dovrebbe superare i 15 grammi su 100 e tra gli ingredienti non devono comparire diciture del tipo: "grassi vegetali idrogenati" e/o "oli tropicali" e/o la sigla E seguita da un numero che indica l'impiego di additivi alimentari.

 

SPUNTINO MATTUTINO E POMERIDIANO:

Frutta di stagione

oppure

Verdura cruda

oppure

Noci (30 gr)

oppure

Yogurt alla frutta o greco

oppure

Crackers senza sale (1 pacchetto)

oppure

2 fette di pane integrale con 15gr di affettato magro (1 volta a settimana)

oppure

Gelato (1 volta a settimana)

oppure

Pane integrale (1 fetta) con marmellata o miele

 

N.B. Si alla variabilità non solo nella settimana, ma soprattutto nella giornata. Non mangiare quindi due volte lo stesso spuntino. La frutta può essere sostituita con frullati (fatto con acqua o latte scremato), spremute o centrifugati.

 

PRANZO

LUNEDI

MARTEDI

MERCOLEDI

GIOVEDI

VENERDI

SABATO

DOMENICA

Pane

Carboidrati

-

Carboidrati

-

-

-

-

-

Carne bianca

-

Formaggio

Legumi

-

 

CENA

LUNEDI

MARTEDI

MERCOLEDI

GIOVEDI

VENERDI

SABATO

DOMENICA

 

-

 

-

Patate

-

Carboidrati

-

-

Carne rossa

Pesce

-

Uova

-

Pizza

Pesce

 

FORMA DETTAGLIATA DI DIETA

LUNEDI

 

COLAZIONE: Acqua e limone

Caffelatte parzialmente scremato + fette biscottate (2) con marmellata

 

SPUNTINO: Pesca

 

PRANZO: Friselle integrali (2) con pomodoro e basilico (no formaggio) condite con olio evo

Insalata

 

SPUNTINO: Verdura cruda

 

CENA: Vitellone alla pizzaiola

Fagiolini con semi di cumino e finocchio

Radicchio saltato in padella

 

MARTEDI

COLAZIONE: Acqua e limone

The verde con zucchero (1 cucchiaino)

5/6 biscotti secchi

 

SPUNTINO: Susine (2)

 

PRANZO: Orzo con zucchine e zafferano

 

SPUNTINO: Noci (30gr)

 

CENA: Minestrone di verdure (no legumi, no patate, no pasta)

Pesce al cartoccio

Peperonata light

 

MERCOLEDI

COLAZIONE: Acqua, limone e zenzero

Latte parzialmente scremato con cereali

 

SPUNTINO: Pane integrale (2 fette) con prosciutto crudo di parma (15gr)

 

PRANZO: Tacchino con zucchine

Finocchi saltati in padella

 

SPUNTINO: Noci (30gr)

 

CENA: Patate con fagiolini e carote

Spinaci saltati in padella

 

GIOVEDI

COLAZIONE: Acqua e limone e zenzero

Caffelatte parzialmente scremato+ pane integrale (1 fetta) con marmellata

 

SPUNTINO: Pesca

 

PRANZO: Pasta integrale con radicchio e pesto di noci

 

SPUNTINO: Crackers integrali (1 pacchetto)

 

CENA: Frittata

Asparagi cotti al vapore

Verdure cotte al forno (melanzane, zucchine, cipolla, peperoni....)

 

VENERDI

 

COLAZIONE: Acqua e limone

Caffè

yogurt greco con cereali

 

 

SPUNTINO: Mandorle (30gr)

 

PRANZO: Insalatona di verdure (pomodoro, cetriolo, finocchio, carote, cipolle….) condita con olio

evo (1 cucchiaio) + Mozzarella e Feta

 

 

SPUNTINO: Susine (2)

 

CENA: Risotto ai funghi

 

SABATO

 

COLAZIONE: Acqua, limone e zenzero

Caffèlatte parzialmente scremato con cereali

 

SPUNTINO: Yogurt alla frutta

 

PRANZO: Fagioli all’uccelletto

Taccole

Asparagi saltati in padella

 

SPUNTINO: Gelato

 

CENA: Pizza

 

DOMENICA

 

COLAZIONE: Acqua e limone

Yogurt greco con cereali

 

 

SPUNTINO: Noci (30gr)

 

PRANZO: Libero (non esagerare!!!)

 

 

SPUNTINO: Mela

 

CENA: Orata con zucchine allo zenzero

Spinaci saltati in padella

 

 

Elisa, toscana, mamma di Emma e Matilde e Biologa Nutrizionista: non vedo l'ora di mettere le mie conoscenze a vostra disposizione!

Ti potrebbe interessare

Food

Bimbi in cucina: quanto ci siamo divertiti!!

Cucinare con i bambini è un atto speciale. Non solo insegniamo loro come prendersi cura di se stessi, preparando cibo sano e buono, ma diventa anche un momento di condivisione e divertimento.

Dopo la prima esperienza di Febbraio quindi, siamo tornati al corso di cucina per bimbi "Bimbi in cucina con lo chef" l'evento organizzato per permettere ai bambini e ai genitori di apprendere i segreti di ricette semplici ma deliziose. Ho frequentato una lezione con Tommaso e l'ultima portando anche Matilde: ed entrambi si sono divertiti e si sono sentiti molto coinvolti.

 

Grazie all'aiuto degli chef (Paolo della Valle e Aleandro Polenti) i piccoli hanno preparato, come nel primo appuntamento, un pasto completo fatto di ricette buonissime e molto semplici. Nell'ultimo appuntamento hanno poi addirittura cucinato anche per tanti ospiti, visto che alla cena hanno partecipato quasi tutti i genitori. E hanno capito le tempistiche della cucina, da rispettare perchè tutto sia pronto al momento opportuno.

Matilde ha iniziato ad un usare il coltello, cosa che a casa non le avevo ancora permesso di fare, mentre Tommy si è dimostrato un vero aiuto per gli chef (e lo dico con un pizzico di orgoglio!!) senza stancarsi e allontanarsi mai dai fornelli fino a quando tutto non è stato pronto.

 

Ha capito che la cucina è divertimento, ma è anche una cosa seria, in cui è necessario mettere impegno e passione. Se potete, fate fare esperienze come queste ai bambini: sarà sicuramente una cosa per cui vi ringrazieranno! E prima di salutarvi con le nuove ricette, vi ricordo il prossimo appuntamento:  "Corso di cucina per bambini sul MARE: tutti a Civitanova Marche!" Presso il Galliano Pizzeria Ristorante Chalet di Civitanova Marche,  giovedì 12, giovedì 19 e venerdì 27 aprile h17:00-19:00...Non mancate!

 

 

Crespelle con verdure  besciamella sbagliata e sughetto di salsiccia

Ingredienti per 4 persone:

4pz.  verdure miste

1 spicchio d’aglio

Olio evo

2 salsicce

300ml passata

Per la besciamella:

500ml latte

30gr maizena

q.b. noce moscata

sale

Per le crespelle:

500ml latte

3 uova

250gr farina

1 pizzico sale

Preparate l’impasto delle crespelle, battete le uova, un pizzico di sale e poi versate il latte, mescolate,  con un setaccio unite la farina e lasciate riposare 30 minuti.

Lavate e mondate le verdure, tagliatele a dadini e cuocetele in padella, cominciando da quelle più dure con olio e l’aglio e versando successivamente le più tenere per equilibrare la cottura.

In un’ altra padella antiaderente, fate rosolare la salsiccia fatta a palline fino a farla imbrunire, aggiungete il pomodoro e mezzo bicchiere d’acqua, un pizzico di sale e lasciate cuocere a fiamma dolce fino a quando non si sarà ritirato.

In un pentolino scaldate il latte, sciogliete la maizena in un po’ d’acqua e unitela al latte, mescolando, riportate a bollore per farla addensare, correggete di sale e noce moscata.

Ora cuocete le crespelle in un padellino antiaderente, caldo e  ben unto, circa 1 minuto per lato.

Unite le verdure con la besciamella, usatela come farcia, ponendola al centro della crespella e chiudetela a mezza luna e poi di nuovo sulla sua metà formando un triangolino.

Disponeteli su di una teglia con carta forno e cuocete 8 minuti a 200°. Serviteli caldi cosparsi con il sughetto di salsiccia e pomodoro.

 

Spiedini di pollo marinati e semi

 

Ingredienti per 12 spiedini:

800gr petto pollo intero

2 cucchiai di miele di acacia

300ml salsa soia

Sale e pepe

Stecchini da 15 cm

2 lime

Tagliate il pollo a cubi non troppo piccoli, aggiungete sale e pepe e metteteli a marinare in un recipiente con succo di lime, soia e miele, lasciateceli almeno 1 ora. Infilzateli con gli stecchini circa 3 o 4 cubi per pezzo, poneteli su carta forno in una teglia, cospargeteli di semi misti non tostati  e cuocete circa 10 minuti a 200°, oppure sul barbecue.

Crostatina di ricotta al contrario e spuma al basilico 

Ingredienti per 6 crostatine:

300gr ricotta

100gr gocce di cioccolata

50gr zucchero a velo

6 pirottini in alluminio

Per la frolla:

35gr burro

100gr farina 00

70gr zucchero

1 rosso d’uovo

Per la panna al basilico:

200ml panna

6 foglie di basilico fresco

30gr zucchero

 

Scaldate la panna in un pentolino, scioglieteci dentro lo zucchero, levate dal fuoco e mettete in infusione con le foglie di basilico per  almeno 3 ore nel frigorifero.

 Preparate la frolla unendo tutti gli ingredienti e lasciatela riposare in frigo per 30 minuti; impastate la ricotta con lo zucchero a velo e le gocce di cioccolata. Imburrate i pirottini e ricoprite il suo interno con la frolla facendo una leggera pressione con le dita per farla aderire bene. Infornate a 170° per 8 minuti, estraetele dal forno, lasciatele stiepidire e mettete al centro l’impasto di ricotta, infornate nuovamente alla stessa temperatura per altri 15 minuti.

Sfornate e servite tiepide con la spuma ottenuta dalla panna al basilico montata.  

Food Ricette

Torta soffice accompagnata da crema al limoncello

Il limoncello è un liquore dolce, frutto della macerazione delle scorze di limone in alcol etilico, a cui in seguito vanno aggiunti acqua e zucchero. Realizzare una torta al limoncello significa quindi arricchire il proprio impasto con i profumi e gli aromi di questa deliziosa bevanda.

Ingredienti

Per la base:

4 uova (peso intorno ai 250 grammi)

250 grammi di farina 00

250 g di burro

250 g di zucchero semolato

1 bicchierino di limoncello da 60 grammi

1/2 bustina di lievito

½ scorza di limone non trattato grattugiata

zucchero a velo q. b

burro + farina per lo stampo

Per la crema

100 grammi di tuorli

100 grammi di zucchero

100 grammi di burro

10 ml di acqua

170 grammi di panna fresca

50 ml di limoncello

La preparazione dell’impasto

Prendi una terrina, rompi le uova e con l’aiuto di uno sbattitore elettrico inizia a montarle. Devi utilizzare sia il tuorlo che l’albume. Una volta che si presentano ben amalgamate, aggiungi lo zucchero e continua a montare il composto, fino a che non diventa soffice e spumoso. Aggiungi il burro sciolto ma tiepido, la scorza di limone grattugiata e il bicchiere di limoncello, facendolo scendere a filo e continuando ad amalgamare.

A questo punto puoi aggiungere la farina che hai provveduto a setacciare insieme al lievito, prestando attenzione ad unirla una cucchiaiata alla volta.

Versa l’impasto in una tortiera di 24 centimetri di diametro imburrata e infarinata  e cuocilo per 45 minuti in forno a 180°. Mentre la torta cuoce, realizza una deliziosa crema al limoncello che l’accompagnerà al momento del servizio.

La preparazione della crema

In un pentolino metti a scaldare l’acqua, aggiungi lo zucchero e il limoncello e fai bollire. Intanto sbatti i tuorli in una terrina e non appena il liquido bolle, versaglielo sopra. Rimetti il composto in un pentolino e non appena quando inizia a bollire aggiungi il burro, quindi allontana dal fuoco e lascialo raffreddare, coperto da una pellicola. Quando la crema è ormai tiepida aggiungi la panna che hai provveduto a montare. Amalgamala bene e versala in una salsiera.

Servi la torta al limoncello spolverizzata di zucchero a velo e accompagnata dalla crema aromatizzata al limoncello.

Food Ricette

5 vellutate deliziose (per far mangiare la verdura ai bambini)

Far mangiare le verdure ai bambini è sempre un'impresa ai limiti dell'impossibile, ma una soluzione c'è: preparare vellutate delicate e colorate, che evitano le consistenze dure degli ortaggi e si fanno apprezzare anche per il loro aspetto attraente.

La vellutata di spinaci

La vellutata di spinaci darà ai piccoli l'impressione di diventare forti come Braccio di Ferro: per mezzo chilo di spinaci puliti (ovviamente la dose è per 4 persone) c'è bisogno di una patata, di un porro, di uno scalogno e di brodo vegetale. Dopo aver messo a soffriggere porro e scalogno tagliati a rondelle in due o tre cucchiai di olio, si uniscono gli spinaci e la patata sbucciata e tagliata a cubetti, per poi coprire con del brodo vegetale e lasciar cuocere per una ventina di minuti. Spento il fuoco, si mixa il tutto e si serve ben caldo. 

La vellutata di zucca

Altrettanto colorata è la vellutata di zucca: con mezzo chilo di zucca serve una cipolla tagliata a rondelle. Il procedimento è lo stesso visto in precedenza, e il consiglio è quello di non esagerare con il brodo vegetale, per evitare che la vellutata diventi troppo liquida: al massimo lo si può sempre aggiungere dopo, nel momento in cui si usa il frullatore a immersione.

La vellutata di pere e porri

Per sperimentare dei gusti un po' originali, si può osare con una vellutata di pere e porri: tre pere di medie dimensioni e tre porri, insieme con un po' di erba cipollina, una patata e il classico brodo. Dopo aver fatto appassire il porro per un quarto d'ora in una casseruola unta con olio, si uniscono le pere pelate e tagliate a dadini, per poi versare il brodo e proseguire la cottura per circa venti minuti. Tolto dal fuoco il preparato, lo si passa nel mixer: si può decidere di aggiungere del sale o se lasciargli il sapore dolciastro conferito dalla pera. Una spolverata di erba cipollina e il piatto è pronto.

La vellutata di patate e pollo

Nulla vieta, poi, di abbinare una vellutata di verdure con un po' di carne: perché non provare, per esempio, la crema di patate e pollo? Dopo aver lessato una patata intera con un petto di pollo, si frulla il tutto insieme a una tazza del brodo in cui il pollo è stato cotto; quindi si fa ridurre il composto in un pentolino insieme con un pizzico di sale e di pepe, un cucchiaio di prezzemolo lavato e tritato e un goccio di panna da cucina.

Infine, l'ultima proposta per una vellutata a base di verdure da far gustare ai piccoli è una crema di carote e patate, dal colore arancione: si fanno bollire due patate pelate e tre carote sbucciate per una ventina di minuti. Una volta scolate, le verdure devono essere schiacciate in un passaverdure e amalgamate con un mestolo di brodo: a questo punto la vellutata è pronta, e può essere insaporita con un cucchiaio abbondante di formaggio grattugiato o magari servita insieme con un hamburger goloso. Insomma, con l'aiuto di un po' di fantasia e di creatività tra i fornelli, convincere i bimbi ad amare gli ortaggi si rivela perfino divertente.

Food Ricette

3 Ricette dolci con la Polenta Valsugana

La polenta è un piatto amatissimo dai miei figli: da quella classica col condimento con salsiccia e funghi o quella con pomodoro e carne macinata; mettere la polenta a tavola per noi è sempre il modo per sottolineare un giorno di festa. E ci piacciono molto anche le ricette dolci da realizzare con la polenta, come, ad esempio, le classiche frittelle che riutilizzano l’impasto freddo lavorato con la farina e poi fritto nell’olio bollente.

 

In giro per il web di ricette deliziose con la polenta ce ne sono davvero tante! Io ne ho trovate parecchie sul sito di Polenta Valsugana. Le ho un po’ riadattate alle mie esigenze, ed ecco quindi 3 ricette dolci da fare con la Polenta Valsugana che piaceranno tantissimo anche ai bambini.

 

Ricetta Tartine di Polenta con miele e Mandarini

Ingredienti: 1 vaschetta di Polenta Valsugana Pronta, 300 grammi di mandarini puliti e a spicchi, 40 grammi di miele millefiori. Zucchero a velo vanigliato.

 

Realizzazione delle Tartine di Polenta con miele e mandarini: preparate la Polenta Valsugana come da ricetta originaria e una volta pronta lasciatela raffreddare, dopo averla stesa tutta della stessa altezza. Ora tagliatela a fette delle stesse dimensioni e sistematele su di una placca da forno, spolverizzate di zucchero a velo e cuocete a 200° per 3-4 minuti circa.  Una volta pronti adagiate gli spicchi di mandarino su di essi e versate sopra poche gocce di miele: il risultato sarà delizioso!

Ricetta Creme Brûlé di Polenta e Cacao

Ingredienti: 90 Grammi di Polenta Valsugana Rapida, 60 grammi di latte, 200 grammi di panna, 170 grammi di zucchero, 3 tuorli 30 grammi di cacao amaro, 1 arancia, 30 grammi di zucchero di canna-

 

Realizzazione Creme Brûlé di Polenta e Cacao: In un pentolino versate il latte, aggiungete lo zucchero, la panna e la buccia grattugiata dell’arancia, poi fate bollire. Unite ora la farina di mais e amalgamate bene, poi versate il cacao. Cuocete per circa 8 minuti e allontanate dal fuoco, aggiungendo i tuorli sbattuti e la panna. Versate la crema nei contenitori e lasciate raffreddare. Una volta freddi cospargete di zucchero di canna e cuocete in forno a 200°-220° con funzione grill per 4-6 minuti, il tempo necessario a far dorare lo zucchero.

 

Cupcake con frosting alla Nutella

Ingredienti: 90 grammi di Polenta Valsugana, 75 grammi di uova, grammi di latte, 100 grammi di zucchero. 70 grammi di farina, 7 grammi di lievito, 200 g di mascarpone, 50 g di nutella.

 

Realizzazione Cupcake con frosting alla Nutella: lavorate insieme tuorli, burro morbido e zucchero fino ad amalgamare il tutto. Mescolando poi a mano dal basso verso l’alto unite la farina e il lievito, la farina di mais e il latte. Ponete i pirottini di carta nelle impronte di Ø 7 cm di uno stampo da muffin e riempiteli con l’impasto. Cuocete a 175° per 25 minuti. Quando i cupcake saranno cotti, sfornateli sulla gratella a raffreddare. Il Frosting Nutella e mascarpone è semplicissimo: amalgamate tutto insieme e poi mettete in una sac à poche, con beccuccio a stella e decorate i cupcake come preferite. E buon appetito!

 

#lamiabuonaidea #polentavalsugana #ad