string(19) "545,542,541,540,538"

Fratello e sorella nella stessa cameretta: come arredare?

I tuoi figli devono dormire nella stessa stanzetta?

 

Nessun problema, a meno che... non si tratti di un maschietto e di una femminuccia. Gli inconvenienti, in questo caso, non sono dovuti tanto alle difficoltà di convivenza, quanto alla necessità di trovare soluzioni di arredamento che si adattino ai gusti e alle esigenze dell'uno e dell'altra. A cominciare dai colori: da evitare il rosa e i toni troppo pastellati che potrebbero non essere graditi al tuo "campione", mentre ti conviene puntare su tonalità accese come il rosso, il giallo o il verde acqua, che si presentano come nuance - per così dire - "unisex".

Cameretta fratello e sorella: scegliamo un tema comune

Ciò che rende una cameretta per i bimbi perfetta, poi, è la scelta di un tema: i pirati o il pallone per i maschietti, le principesse per le femminucce. Almeno in teoria, ovviamente, perché per fortuna i nostri piccoli sanno sempre sorprenderci e spesso smentiscono le nostre convinzioni e i nostri pregiudizi: insomma, se tua figlia ama circondarsi di poster di calciatori e il tuo bambino si trova bene in una cameretta "confettata", lascia loro la libertà di decidere. E se proprio sei alla ricerca di temi e fantasie che mettano d'accordo entrambi, prova a puntare su elementi che non prevedono distinzioni di genere: per esempio, la natura. Degli adesivi o delle gigantografie che ritraggono animali della foresta o della fattoria potrebbero rappresentare un'idea semplice ma di successo, e temi naturali si potrebbero rintracciare anche nelle coperte, nelle lenzuola o nella carta da parati.

Cameretta fratello e sorella: motivi fiabeschi

In alternativa puoi puntare su dei motivi fiabeschi o su delle soluzioni più neutre, ma non per questo meno piacevoli: delle strisce colorate, delle forme geometriche o dei personaggi dei fumetti e dei cartoni animati che siano graditi a tutti e due. Tuo figlio è un fan di Paperino e tua figlia ama Paperina? Cogli la palla al balzo e crea una cameretta a tema Disney. Ma potresti anche essere fortunata e scoprire che i tuoi pargoli sono accomunati dalla passione per la stessa pop star o per lo stesso attore: insomma, indaga i gusti e le preferenze dei tuoi bimbi per arredare più facilmente la loro camera senza rischiare di commettere errori.

Cameretta fratello e sorella: puntate sulla parte tessile

Per quel che riguarda i materiali e i tessuti, la semplicità rappresenta sempre la scelta vincente: dei morbidi cuscini saranno apprezzati sia dalle femminucce che dai maschietti (almeno fino a quando questi non cresceranno e si trasformeranno in adolescenti ribelli), e anche i tessuti di peluche potrebbero rivelarsi graditi. Plastica e plexiglass, invece, sono materiali da privilegiare per la loro capacità di resistere nel tempo, di non usurarsi e di non rovinarsi anche in caso di urti o di cadute.

 

Insomma, se ti trovi nella situazione di dover far convivere un bambino e una bambina nella stessa cameretta, non aver paura: ciò che conta è che tu riesca a ricreare nel loro ambiente un'atmosfera il più possibile gioiosa e gradevole, dando loro l'impressione che siano loro (e non tu) a decidere in che modo arredare, quali colori scegliere e per quali decorazioni optare.

 

Credit foto: http://kidsroomideas.net/kids-hearts-and-stars-shared-spaces/

Daniela, founder e Ceo del sito "C'era una mamma", marchigiana, copy freelance ed esperta di comunicazione, mamma di Tommaso e Matilde.

Ti potrebbe interessare

Casa

Seggiolone: come scegliere quello perfetto!

Crescere un figlio, soprattutto nei primi mesi, è talmente impegnativo che hai la sensazione che le ore diventino giorni e i giorni mesi. Pensi che non riuscirai mai più  a dormire una notte intera, che le tue amiche (e la tua parrucchiera) non avranno mai più tue notizie e che lo allatterai almeno fino alle elementari. E invece in uno schioccare di dita, ecco che il cucciolo ha 6 mesi e la pediatra ti intima di affrontare il tanto temuto svezzamento. A questo punto non resta che munirsi del seggiolone perfetto e pregare che la mira di tuo figlio nel rilanciarti la pappa non sia delle migliori.

 Seggiolone, le caratteristiche di base

 Quando si vive l’esperienza del primo figlio, forse non sono stati ancora focalizzati bene gli obbiettivi base nella scelta degli oggetti, soprattutto di quelli legati ai bambini. Confesso quindi di aver scelto il primo seggiolone perché s’intonava perfettamente con le tende della sala. Con il passare del tempo pero ho capito quali sono le cose che contano davvero nella scelta di un seggiolone e spero che anche voi ne facciate tesoro.

 La posizione: il bambino deve stare eretto. Non semisdraiato, non adagiato in un qualche tipo di incrocio tra seggiolone e sdraietta. Semplicemente dritto. Il seggiolone può essere anche reclinato? Effettivamente sono tanti i piccoli che non appena finito il pasto si addormentano. Sollevarli dal seggiolone significherebbe regalarsi un’ora ininterrotta di pianto disperato? Ok inclinate pure…avete la mia benedizione…ma solo dopo che hanno finito di mangiare!

 La sicurezza: ci devono essere le cinture per assicurarsi che il piccolo non se ne scappi. Ignorate chi vi dice che siete genitori ansiosi, perché significa che non si rendono conto di una cosa: dopo l’anno, quando i figli usano ancora il seggiolone, hanno la capacità fisica di alzarsi in piedi ma non la consapevolezza di capire che scendere da soli non è una scelta furba.

Abbiate quindi l’accortezza di controllare che le cinture ci siano, ma anche che siano semplici da sganciare nel caso il bimbo dovesse essere sollevato velocemente. Inoltre deve essere irribaltabile. Ci sono in giro deliziosi seggioloni di design, ma che mio figlio avrebbe distrutto con un solo gesto delle sua manine paffute.

 L’igiene: il seggiolone è un campo di battaglia. Dopo ogni pasto il vassoio, l’imbottitura, persino le zampe, saranno da lavare. Assicuratevi che il vassoio sia rimovibile, che l’imbottitura sia lavabile con un colpo di spugna, che tutto insomma possa essere igienizzato accuratamente ma in poco tempo.

 La scelta del seggiolone, qualche consiglio ulteriore

I seggioloni, come tutti gli oggetti, hanno tre dimensioni. Questo significa che quel seggiolone che vi hanno appena regalato  e che da chiuso occupa uno spazio modesto, potrebbe rivelarsi l’abitante in più di casa vostra , dove praticamente inciamperanno tutti i vostri ospiti. Occhio alle dimensioni e al peso, soprattutto se magari dovete spostarlo regolarmente dal vostro appartamento a quello di vostra madre che abita al piano di sopra.

Prima di acquistarlo, prestate attenzione all’età e al peso che può sostenere. In genere si arriva al massimo ai tre anni, anche perché dopo sarebbe il caso di cominciare con le classiche seggiole. Vi servono le ruote? Se dovete spostarlo su di un pavimento in legno decisamente sì…controllate che anch’esse siano di buona qualità.

Morale della favola: anche se non s’intona con le tende o con le pareti, cercate di scegliere il miglior seggiolone a misura di bambino sia in circolazione…magari vostro figlio vi ringrazierà evitando di centrarvi con un gustoso piatto di semolino freddo.

Casa

In Vacanza? Ci vado con Gimme5!

Non sono stata mai una persona molto portata al risparmio: non che fossi una che buttava i soldi dalla finestra, ma prima dell’arrivo dei figli era difficile, nonostante lavorassi da tempo, che riuscissi a mettere qualcosa da parte. Adesso che ci sono i bimbi sono molto più attenta e so quanto è importante dare loro una sicurezza.

 

So pure però che non ci si può negare tutto: e ogni tanto è bello regalarsi uno sfizio, soprattutto se lo sogniamo da tempo.Ma come fare a risparmiare senza farsi prendere dalla tentazione di spaccare il salvadanaio e usare o soldi per un bisogno immediato?

Usando un salvadanaio digitale!

Gimme5, il salvadanaio digitale che ti aiuta a risparmiare

Un euro al giorno o poco di più: insomma risparmiare senza rendersene conto! Questo prodotto digitale è nato nel 2010 ed è stato creato da AcomeA SGR, un società di gestione del risparmio, indipendente da gruppi bancari che ha offerto servizi molto diversi (con prezzi molto diversi) rispetto a quelli delle banche. E ha persino vinto il Premio Alto Rendimento del Sole24Ore

Ma cosa è nello specifico Gimme5?

 Si tratta molto semplicemente di un’App da usare attraverso lo smartphone, ma ne esiste anche una versione per Pc, che vi permette di risparmiare ogni giorno una somma prestabilita.

 

In vacanza? Ci vado con Gimme5!

Lo sogniamo da tanto. Sia noi genitori che Tommaso e Matilde vorremmo davvero regalarci una vacanza in Sardegna, ma spesso facciamo fatica a mettere da parte i soldi. Ed essendo io una libera professionista, in estate inizia il bagno di sangue del pagamento di tasse e contributi. Eppure iniziando adesso, con tre euro al giorno, mi avvicinerei davvero tanto all’obbiettivo di portare la famiglia alla scoperta di questa isola meravigliosa il prossimo settembre.

 

Ho deciso quindi di provare Gimme5. E ho scoperto per prima cosa che non ci sono vincoli. Ognuno può impostare la soglia di risparmio che preferisce in base alle sue possibilità, senza che cambi nulla. Si può impostare un risparmio fisso mensile che non cambia mai, in modo da tarare le proprie abitudini su quello.

 

Se vi va potete coinvolgere la famiglia nel vostro obbiettivo di risparmio: per esempio nel nostro caso posso suggerire ai compleanni dei bimbi invece di fare la classica “busta” con una piccola somma per loro, di versarla direttamente su Gimme5, in modo che sono sicura che anche quella ci aiuterà a raggiungere l’obbiettivo della nostra vacanza. Gimme5 è pensata anche per offrire contenuti interessanti che ci aiutano a risparmiare.

 

Cosa succede ai soldi che verso a Gimme5

 

La domanda più importante: mi posso fidare? Perché anche se si tratta di piccole somme, sono importanti per la mia famiglia. E così vi dico che i soldi che noi risparmiamo vanno in fondi comuni di AcomeA SGR. Non ce la fate più o siete stanchi di Gimme5? Non c’è nessun vincolo e in qualsiasi istante potete ritirare i vostri soldi al costo fisso di 1 euro (anche se l’importo risparmiato è elevato) Gimme5 è davvero una scoperta interessante, e quindi ormai sono sicura: Sardegna, stai lì che noi arriviamo!!

 

#gimme5risparmio

Casa

Con Facile.it risparmiamo sul gas: e ci facciamo i regali di Natale!

Nasce a Bergamo il secondo Facile.it Store, e anche se sembra impossibile trovare la tariffa più vantaggiosa diventa ancora...più facile!

 

Conoscete già il sito Facile.it che vi permette di confrontare tante tariffe nei campi più differenti, semplicissimo da usare, in pochi click ha le risposte alle vostre domande.

 

Eppure, nonostante viviamo continuamente connessi e lo shopping online ci consente ormai di comprare praticamente di tutto, ci sono spese per le quali sentiamo ancora bisogno di confrontarci di persona con un consulente preparato e in grado di rispondere alle nostre domande.

 

 

 

É per questo che il primo Facile.it Store di Varese ha riscosso tanto successo, perché coniuga l’innovazione del servizio online con la rassicurazione di un consulente. Il 21 Novembre ha aperto il Facile.it Store di Bergamo che aprirà ufficialmente al pubblico dal 25 novembre e che ho avuto modo di visitare: i consulenti sono pronti a rispondere a tutte le vostre domande, in un ambiente caldo e accogliente, e ad offrirvi un impeccabile servizio di comparazione.

 

Si può accedere a Facile.it Store senza appuntamento, si può chiedere l’assistenza dei loro bravi consulenti e scoprire come risparmiare sulle spese di casa. La loro consulenza è affidabile, sicura e gratuita.

 

Io ero curiosa di avere maggiori informazioni sulle bollette del gas, anche perché è una delle spese più corpose di tutte le famiglie, e soprattutto in inverno, per chi come me ha il metano e i figli piccoli, sembra davvero impossibile fare economia.

 

E devo dire che ho imparato tantissime cose. La più importante in assoluto è che si risparmia tantissimo attivando l’addebito diretto sul conto in banca. Molto più costoso è invece usare il vecchio bollettino: se siete vintage, cambiate subito idea!!

 

Altra cosa importante, che va tenuta presente, è che il consumo di gas cambia in base a dove si vive, che le zone tariffarie sono 6 e dividono appunto l'Italia in sei parti. Tenete presente, se pensate che il consumo sia troppo elevato, che potrebbe essere colpa di una caldaia obsoleta o del fatto che casa vostra abbia un isolamento termico non congruo.

 

 

I prezzi del gas vengono stabiliti ogni tre mesi dallAEEGSI, lAutorità per lEnergia, e sono validi per i clienti in regime di mercato tutelato: ricordate poi che nella bolletta finale, il prezzo che troviamo è fatto per oltre il 50% da imposte.

 

Se desiderate avere info sulla vostra bolletta del gas, o fare un confronto delle tariffe gas su Facile.it

portatevi l'ultima pagata e dando qualche semplice dato verificherete se c'è margine di miglioramento.

 

 

E visto che tra poco è Natale, il risparmio magari teniamocelo per i regali: Facile, no?

Casa

Kärcher ti fa vincere 500 ore di aiuto domestico!

 

 

Avete mai sognato di regalarvi del tempo libero mollando ad altri le pulizie della casa? Ecco, diciamo che io me lo dico continuamente: perchè non sarebbe meglio giocare con figli invece di continuare a pulire e pulire? Ovvio, direte voi.

E con Kärcher (che forse un po' se lo immagina che passare la vita a pulire non è il nostro ideale) ha deciso di regalarci una promozione deliziosa in vigore fino al 30 dicembre 2017.

 

Kärcher Home Cleaning regala una collaborazione domestica!

 

Se dovete acquistare un prodotto per la pulizia di casa, provate a giocarvi una chance con  Kärcher Home Cleaning, perchè davvero si può vincere un aiuto interessante. Io ho parlato di pulizia, ma  Kärcher Home Cleaning fa davvero le cose per bene. Infatti mette a disposizione assistenza per chi ha persone anziane o bimbi di cui occuparsi. Ma è valido anche per chi ha un lavandino che cola e ha bisogno di un tuttofare, oppure ha un giardino che grida vendetta e aspetta la mano di un esperto per essere riorganizzato.

 

Kärcher Home Cleaning: ecco con cosa si vince

 

Potete quindi scegliere tra seguenti  prodotti 

 

-WD: Gli aspiratori hanno tutto ciò che serve per lavorare in completa comodità ed efficienza e hanno il sistema di pulizia filtro integrato. 

-WV: Kärcher ha rivoluzionato il mondo della pulizia dei vetri quando ha messo in commercio l'innovativo aspiragocce WV: grazie a questo prodotto compatto e leggero vetri, specchi e superfici dure risultano pulite e senza aloni 

-SC: La SC 3 è pronto per l'uso dopo un tempo di riscaldamento di soli 30 secondi. Il serbatoio dell'acqua ricaricabile è veloce e continuo e permette la pulizia non-stop facendo risparmiare tempo 

Oppure gli utilissimi Kärcher C,  Kärcher AD, Kärcher SE, Kärcher K 55, Kärcher KB 5, FP: vi sarete assicurati un prodotto ottimo e allo stesso tempo un'ottima possibilità di vincere un premio davvero utile.

 

Come si vince nello specifico?

 

Ci sono le estrazioni settimanale (instant win): mettono in palio 100 ore di aiuto domestico ogni settimana (per ben 13 settimane) e 'è l'estrazione finale: ADDIRITTURA 500 ore di aiuto domestico.

 

Allora, ve lo fate scappare? ;)

 

#aiutoincasa #cifacciamoincinque #incinquepervoi

 

Buzzoole