string(19) "591,643,632,493,128"

La lunga notte di una mamma

La lunga notte da mamma ti aspetta al tramonto, quando gli occhi degli altri si chiudono e tu continui a vegliare un bimbo da calmare e coccolare. Quando le tue braccia continuano a sorreggerlo anche se la stanchezza è tanta e ti chiedi se ce la farai a passare un’altra notte così.

 

La lunga notte di una mamma è fatta di passaggi da una stanza all’altra con una testina appoggiata alla spalla, è fatta di biberon da scaldare o di seni che non smettono di fare male.

La lunga notte di una mamma è un mare di silenzio, rotto da solo da sospiri e a volte da pianti. E’ ballare con un bimbo in braccio sperando che la colica passi, è avere gli occhi lucidi perché se sta male lui stai male anche tu.

 

La lunga notte di una mamma è un vortice infinito di minuti, di secondi che passano lentissimi, di coperte rimboccate e di tazze di tisana. A volte ci sono le chiacchiere notturne, a volte si va a leggere la pagina della blogger preferita, per sapere come ha fatto a non dormire per anni e sopravvivere.

 

E nessuno sa davvero com’è la lunga notte di una mamma finchè non la vive sulla sua pelle. E pensi con rimpianto a tutte le ore in cui potevi dormire e non hai dormito, maledetta discoteca. E ti chiedi che ne sarà domani di te.

Ma il domani non arriva: è un presente infinito che si avvita su se stesso e chiude il suo cerchio sulla poltrona dove siete voi due, abbracciati e svegli. Oppure lui che dorme, e tu che smetti di respirare, per paura che ricomincia a piangere.

 

La lunga notte delle mamme a volte è lunga anni: e ci sono le coliche e i denti, e ci sono le influenze e i virus.

Poi piano piano ricomincerai a dormire. Ma non resisterai, e quando sono a letto e tu ancora giri per casa e loro sono a caccia di sogni nei loro lettini, ad andare a vedere se va tutto bene. A posare un bacio leggero sulla guancia profumata. Ad osservare le emozioni che si rincorrono dietro le palpebre chiuse. A sentirli chiamare mamma, perché magari nel sonno, insieme a loro, ci sei anche tu.

 

E ci sono cose che non cambiano, abitudini che si prendono da piccoli, quando cerchi una routine che possa aiutarli a vincere quel sonno immaturo che ti ha reso la vita difficile. E il bagnetto è uno di quelli. Mustela ha creato una linea per i piccoli piccoli, con l’amido di riso che è lenitivo e rinfrescante oppure il bagnetto multi-sensory.

 

 

E il profumo che resta sulla loro pelle, anche quando sono più grandi, anche se le notti sono tornate tue, ti riporta alla mente il loro essere neonati. E ti rendi conto, ancora una volta, che quel tempo è passato in un soffio.

 

Post in collaborazione con Mustela!

Daniela, founder e Ceo del sito "C'era una mamma", marchigiana, copy freelance ed esperta di comunicazione, mamma di Tommaso e Matilde.

Ti potrebbe interessare

Blog

Pesantezza VS Leggerezza: siamo mamme e vogliamo ridere!

 

Sapete che ridere fa bene alla nostra salute? Sapete che ridere fa bene ai nostri bambini?

Ci sono stati momenti della mia vita in cui una risata mi ha davvero permesso di trasformare il buio intorno a me in luce. Ho sempre cercato rendere più leggera la vita delle persone che amo. Ricordo che uscita dalla sala operatoria dove mi avevano appena impiantato un pace maker, appena arrivata davanti a mia madre devastata dalla lunga attesa, avevo chiesto all’infermiera di controllare se fossi pettinata. Lei e le mie amiche si erano lasciate andare ad una risata liberatoria, perché la mia vanità allora era leggenda. E solo una volta entrata in camera avevo pianto a lungo ripetendomi “Ce l’ho fatta, sono ancora qui”.

 

Ridere, scherzare, libera l’energia negativa che ci portiamo dentro: eppure quando sei mamma è come se ridere delle tue difficoltà sia un tabu. Come se ironizzare sulle nostre difficoltà sia così dissacrante da diventare una colpa.

In quasi 4 anni di blog una delle cose che mi ha sempre fatto cadere le pall …ehm colpito, è la pesantezza di certa gente. Non pesantezza fisica, ma morale, spirituale, l’incapacità di capire l’ironia di una battuta.

 

Ho creato centinaia di meme, per ridere e far ridere le persone sulle difficoltà della maternità e tutti con un unico scopo: strappare una risata a voi mamme. Accompagnarvi verso il lavoro della mattina sghignazzando sulla notte insonne, facendovi compagnia nei momenti di pausa ridendo su quanto era diversa la vita prima di avere figli e dopo averli avuti.

Eppure in questi anni, tra milioni (e sì, milioni) di like, commenti ed emoticon divertiti, sono sempre spuntati come i funghi i gridi dei frustrati: E ALLORA NON FATE FIGLI, SE VI LAMENTATE SEMPRE.

 

Al di là del fatto che invoco il sacrosanto diritto di lamentarmi di non dormire, di avere la schiena a pezzi, di essere andata in bagno da sola per l’ultima volta nel 2009, invoco anche il sacrosanto diritto di RIDERE. Ridere di me e delle cose che mi fanno penare, ridere di voi e della vostra pesantezza.

 

E il mio amore per i figli, immenso, straordinario, travolgente, un amore che mi porterebbe a consegnare loro il mio cuore seduta stante (pace maker compreso) se dovesse servire loro, non è minimamente scalfito dal mio RIDERE.

Ridete donne, ridete mamme e papà: ridete e vi salverete dalla pesantezza della gente che non capisce nemmeno quanto sia bella l’ironia.

Blog

Uscire con i bambini in inverno: ma davvero?

Immaginate una madre ansiosa, che in inverno sente sempre più freddo di quello che c’è in realtà, che la notte dorme col pigiama felpato che ha addirittura il cappuccio, e un padre scout, che ha passato l’infanzia in pantaloni corti sulla neve, che anche sotto zero indossa al massimo una magliettina. Ora provate a immaginare i poveri figli di questi due: che succederà ai due pargoli in inverno? Verranno vestiti ogni giorno per un’escursione in Alaska o passeranno la vita in maniche corte?

 

Per una volta, confesso che ha vinto mio marito: e ho imparato che i bambini, soprattutto quelli piccoli, vanno vestiti in base alle loro esigenze e non in base alle mie. Matilde è nata a luglio e il problema non si poneva, ma Tommaso è arrivato tra le nostre braccia il 4 gennaio: e siamo usciti dall’ospedale che nevicava! All’inizio ero spaventata a pensare di portarlo fuori con il freddo: ma lui aveva un brutto ittero, e anche pochi raggi di sole potevano aiutarlo. Morale della favola: Tommaso ha sempre avuto una salute di ferro, e crescendo ho fatto sì che anche in pieno inverno lui e la sorella, ben protetti, potessero stare fuori a giocare. Molto meglio questo che tenerli chiusi sempre in luoghi dove potevano magari prendersi raffreddori o altro. Tommaso adesso gioca a calcio, e spesso lo fa sotto la pioggia: ma non ne ha mai risentito!

 

E dare sostegno a questa teoria ci sono le voci di tanti pediatri: a meno che il bambino non sia malato, dovete assolutamente regalargli ore all’aperto anche in inverno! Il freddo non fa ammalare, se lo si affronta nella maniera giusta: molti virus non sopportano il freddo e all’aperto dunque fanno più fatica a moltiplicarsi.

Inoltre, come dicevo, l'ambiente aperto riduce significativamente la possibilità di trasmettere malattie. Negli ambienti caldi e chiusi di asili nido, scuole materne e scuole, virus e batteri proliferano e, visto l'affollamento e la vicinanza, hanno molte possibilità di passare da un bambino all'altro. All'aperto tutto ciò è molto più difficile.

 

 Non solo: grazie all'esposizione alla luce solare, la vita all'aria aperta aiuta a fissare la vitamina D, che secondo vari studi è molto importante oltre che nel metabolismo del calcio anche nella prevenzione delle infezioni.

Particolare attenzione, quando parliamo di fare stare i bambini all’aperto in inverno, va prestata alla pelle del viso dei bimbi: e per questo ho sempre usato le Creme Mustela, come la la Cold Cream nutri-protettiva Mustela Bébé, formulata per la pelle delicata del bambino fin dalla nascita, è ideale per l'idratazione del viso in caso di pelle secca o temporaneamente disidatata:- Le pelli più secche risultano subito nutrite e lenite grazie al complesso nutri-protettivo (Cold Cream + ceramidi) e al burro di karité. In superficie, il film idrolipidico risulta rafforzato e protetto contro le aggressioni esterne. Più in profondità, la pelle è intensamente nutrita preservando le sue difese naturali.

Quindi, mamme e papà, non abbiate paura: lasciate i vostri piccoli liberi di uscire: il freddo è decisamente nostro amico!

 

POST IN COLLABORAZIONE CON MUSTELA!

Blog

L'utile corso di esorcismo che servirebbe ai genitori

In questi giorni si è tanto parlato di un corso di esorcismo presente nel sito del Miur. Ora è stato tolto, ma ha dato davvero tanto scandalo: ma secondo me il problema è  che avevano sbagliato target!

Perché il corso di esorcismo, inutile (forse) per i professori, si rivela invece estremamente interessante per i genitori, tanto che sarebbe bello che ne facessero un corso parallelo a quello post partum. Ma nello specifico, quand’è che si dovrebbe brandire l’acqua santa e aspergere i pargoli, nella speranza di calmarli? Me lo avete detto voi: ecco 7 momenti in cui un esorcismo non ci starebbe malaccio.

 

7. Il cambio del pannolino

Mentre appena torniamo a casa dall’ospedale i figli ci fregano con l’idea che il cambio del pannolino sia una cosetta semplice e tranquilla, pochi mesi dopo ci dimostrano di essere in grado di fare talmente tante giravolte su loro stessi sul fasciatoio che Linda Blair scansate.

6. Il seggiolino in macchina

Prendete un bambino tranquillissimo, magari addormentato ed adagiatelo delicatamente sul seggiolino in macchina. Al primo clack della cintura di sicurezza, vostro figlio svilupperà una forza erculea capace di divellere il sedile. OVVIAMENTE LO CONSOLATE, MA LO LASCIATE LEGATO.

5.I vestiti

Poche cose portano il bambino a bestemm ehm parlare lingue straniere come il fatto di essere amorevolmente svestito o vestito dai genitori. Se poi è inverno e avete la combo cappellino+ sacco nanna +seggiolino macchina, probabilmente si smuoverà pure il Vaticano a darvi una mano.

4. Aspirare il muco dal nasetto

Avere figli (come succede a me adesso) che si soffiano il naso DA SOLI, è una di quelle emozioni che a volte si fa fatica a raccontare. Ma quando erano piccoli bastava che mi avvicinassi con l’aspiratore per il nasetto che iniziavano a tentare l’arrampicata sui muri. Poi c’era la fase in cui con un braccio li tenevo, con una mano usavo l’aspiratore, con la bocca tiravo su e contemporaneamente cercavo di consolarli e di non maledire chi gli aveva attaccato il raffreddore.

3.L’aerosol

Compagno dell’aspira naso era l’aerosol. Qui non è uguale per tutti: ci sono bimbi che lo fanno senza battere ciglio, altri che vanno supplicati e sopportati nella speranza che, urlando a bocca spalancata in una lingua sconosciuta, magari per sbaglio un po’ di vapore benefico riesce a entrare.

2. Il Virus intestinale

Non ha bisogno di presentazioni. Ma ho visto cose che voi umani non potete immaginare: al confronto le scene del film l’esorcista sono gentili momenti di digestione.

1. L’antibiotico

Siamo arrivati al re delle cause di possessione: nel corso di esorcismo dovrebbero fare un modulo ad hoc che spieghi come affrontare un figlio che si rifiuta di prendere anche una sola dose di antibiotico, quando tu gliene devi dare 3 al giorno per una settimana.

 

Ma sapete qual è la verità? E’ che essere bambini piccoli è davvero complicato. Ci spogliano e ci vestono in continuazione, ci puliscono il naso in maniera odiosa, ci fanno inghiottire medicine…che sanno di medicine. Ma essere genitori, e vedere un figlio imbufalito per una cosa che è comunque necessaria, è davvero pesante. E a salvarci non è tanto un corso di esorcismo, quanto quello straordinario (e a volte incredibile) amore che abbiamo dentro.

(Anche se magari, due gocce di acqua santa…)

Blog

Prima uscita con il figlio: a saperlo restavo a casa!

Quando aspettavamo nostro figlio sognavamo continuamente scene idilliache di momenti da trascorrere insieme a lui: immaginavamo che la mattina ci saremmo svegliate insieme dopo una ristoratrice notte di sonno, in pochi minuti l’avremmo allattato (senza nessun dolore eh), e poi bellissime e felici a pochi giorni dal parto ce ne saremmo andate a fare una bella passeggiati per mostrarci splendenti al mondo insieme a lui. Ma poi, nella realtà, è andata davvero così??

 

 

1. IL TRIO: COME AVREBBE DOVUTO ESSERE

Il Trio si è rivelato davvero un ottimo acquisto! Pratico, veloce da aprire e chiudere, con due mosse lo carichiamo nel portabagagli. È davvero leggero ed elegante! Possiamo arrivare subito ai giardinetti o dove fare la passeggiata senza nessuno problema, e se dobbiamo caricarlo in macchina non c’è nessun problema

IL TRIO: COME è STATO NELLA REALTà

Questo maledetto Trio costa più di un figlio agli studi e già lo odiamo. Per aprirlo e chiuderlo serve una laurea con specializzazione, va smontato in venti pezzi che poi lo dobbiamo riassemblare in mezzo alla strada una volta scesi dalla macchina. Nel portabagagli non ci sta: anche perché noi non ce l’abbiamo un portabagagli nella macchina, comptrata quando ancora i figli più belli erano quelli con cui non avevamo niente a che fare. E a che serviva, quando eravamo da sole? Dobbiamo quindi legarlo davanti come fosse un passeggero, oppure occupare tutto il retro. Che poi non c’entra il figlio. Alla fine quel chilometro dai giardinetti lo facciamo a piedi.

 

2. L’USCITA DA CASA, COME AVREBBE DOVUTO ESSERE

Il piccolino ha mangiato, è cambiato, pulito e dorme come un angelo. Lo carichiamo in macchina o partiamo a piedi, verso una rilassante passeggiata.

L’USCITA DA CASA, COME è REALMENTE

Lo abbiamo appena sfamato, cambiato, non ha dolori, non gli manca niente eppure urla come una sirena. Non appena lo adagiamo sulla navetta raddoppia gli strilli. Lo solleviamo e smette. Lo appoggiamo e ricomincia. Quando piange un po’ meno riusciamo a caricarlo in macchina. Siamo talmente sudate che anche a gennaio possiamo stare tranquillamente in t-shirt. Attimo di silenzio: il pannolino è di nuovo pieno. Ritorniamo al via e ricominciamo da capo.

 

3. IL NOSTRO ASPETTO: COME AVREMMO VOLUTO CHE FOSSE

A qualche settimana dal parto abbiamo praticamente riconquistato la forma fisica, a parte un po’ di pancetta (fisiologica) e due taglie di reggiseno in più. Camminando ci specchiamo nelle vetrine con un certo orgoglio.

IL NOSTRO ASPETTO: COM’è NELLA REALTà

La forma fisica pre gravidanza è ancora un miraggio. Abbiamo l’armadio pieno di abiti che ovviamente non ci stanno e l’unica soluzione e mettere le stesse cose dell’ultimo mese di gravidanza. Quando passiamo davanti ad una vetrina che ci riflette, acceleriamo il passo.

 

4.INCONTRARE GENTE: COME AVREBBE DOVUTO ESSERE

Ai giardinetti incontriamo qualche conoscente. Ci fanno i complimenti, ci dicono che il bambino è bellissimo ed è il nostro ritratto, e che noi siamo raggianti. Ci sentiamo la regina del mondo.

INCONTRARE GENTE: COM’è NELLA REALTA’

Dopo aver faticosamente raggiunto la meta, facciamo la famosa passeggiata e ci sistemiamo su una panchina. I conoscenti ci dicono, nell'ordine: che bel maschietto! (ed è una femmina, vestita di rosa, in un passeggino fucsia), dai non preoccuparti, quando crescono diventano più belli, ehi, è proprio il ritratto di tua suocera!! I più distratti, che non notano il passeggino, ci chiedono a quando il lieto evento. Iniziamo a rimpiangere profondamente di essere uscite di casa.

 

Quindi ci dirigiamo verso casa e …miracolo: una volta arrivate il pargolo dorme: e noi ci possiamo regalare un massaggio defaticante con il Gel Defaticante Gambe Mustela, che rilassa e dona una sensazione di sollievo immediata alle gambe stanche!!

Domani ci riproveremo: e piano piano riusciremo a trovare la routine perfetta.

Ma forse voi siete state più fortunate…Com'è stata la vostra prima uscita con il pargolo?

 

POST IN COLLABORAZIONE CON MUSTELA!!