string(19) "647,645,643,642,638"

Le mamme fachiro

Le mamme fachiro le riconosci subito: sono quelle con la piega dei capelli asimmetrica ( nonostante i vigorosi colpi di spazzola della mattina) e con lo sguardo un po’ stranito di chi non ha passato la notte più comoda della propria vita. Sono mamme come tante, che prima di diventare fachiro amavano la comodità, e il massimo sacrificio poteva essere un paio di scarpe irrinunciabili, con tacco 10. Ma da quando sono arrivati i figli le mamme fachiro hanno scoperto che il corpo umano è in grado di sopportare e sopravvivere a tutto.

 

Le mamme fachiro dormono con la testa sul comodino

 

Un bambino piccolo in un letto matrimoniale è un mistero della fisica e della scienza: come fa un corpo di 70 centimetri ad occupare più spazio di corpi sopra al metro e sessanta? E così la mamma, spinta dai teneri piedini del pargolo, non può fare altro che mettere il cuscino sopra al comodino e cercare di venire a patti con gli spigoli.

 

Le mamme fachiro camminano sopra ai lego

 

È notte.  Andate a piedi nudi in bagno, o in qualsiasi altra stanza della casa, magari nel massimo silenzio perché avete impiegato un’ora ad addormentare vostro figlio, e ta-dan: calpestate un pezzo di lego. Ma non il pezzo grande e verde, ma uno di quei pezzi infidi, piccoli, anonimi, che si pianterà esattamente in mezzo al vostro calcagno. E non potete nemmeno urlare.

 

Le mamme fachiro fanno la doccia scozzese

 

Se avete figli abbastanza grandi da poter fare liberamente una doccia, vorranno anche senza dubbio farvi compagnia in bagno. Ed è impossibile per un bambino stare in bagno senza aprire l’acqua o usare lo sciacquone: così la vostra doccia sarà un susseguirsi di ARTICO-PALLA DI FUOCO-ARTICO - PALLA DI FUOCO. Che comunque fa molto bene per la cellulite.

 

Le mamme fachiro hanno le braccia che si allungano

 

Siete in macchina.  Casca un ciuccio, un biberon un gioco, insomma qualsiasi cosa provoca pianti di un’ora. In men che non si dica allungate le braccia e vi fate uscire una spalla (che ormai ce lo sa e si adatta) per riprendere una cosa che sta proprio nell’angolo più bastardo dell’abitacolo.

 

Le mamme fachiro si siedono sui dinosauri

 

E quando dormono in genere un braccio della Barbie ce l’hanno conficcato nella schiena: perché ci sono giochi che i figli non mollano proprio mai e ce li ritroviamo davvero dovunque.

 

Le mamme fachiro fanno i contorsionisti

 

Tanti nostri oggetti sono a misura di bambino, e così ci sediamo sulle seggioline  alte 20 centimetri per prendere il tè, c’incastriamo nello scivolo dei piccoli al parco perché il nostro bambino non vuole scendere da solo e passiamo ore a leggere libri ripiegate su noi stesse sotto il tavolo della cucina.

 

Insomma, le mamme fachiro hanno pelle e ossa capaci di resistere a tutto: ma il cuore dentro è così tenero e delicato, che a volte basta ritrovare un calzino da neonato per piangere come fontane. Ma tanto non ci arrugginiamo mai.    

 

Ringrazio Giovanna Biancaterra che mi ha dato l'idea per il post!

Daniela, founder e Ceo del sito "C'era una mamma", marchigiana, copy freelance ed esperta di comunicazione, mamma di Tommaso e Matilde.
Daniela
05/04/2016 14:30
Hai davvero ragione...il lavoro di mamma è così impegnativo che a volte resta difficile scherzarci su...però se non sdrammatizziamo noi, chi può farlo???
Daniela
05/04/2016 14:29
Grazie a te Sara!!!! Sono felice che ti sia piaciuto!!!
Oltrechemamma
04/04/2016 12:17
Mamma fachiro all'appello. La doccia scozzese...mi hai fatto ridere davvero! Buon pomeriggio Daniela?
Mamma Today
04/04/2016 11:09
Ammetto di essere anch'io una mamma fachiro!
Ho riso dalla prima all'ultima parola e la cosa buffa è che più andavo avanti nella lettura del post e più mi immedesimavo nelle tue parole! Ogni tanto serve un po' di sana ironia su noi mamme!

Ti potrebbe interessare

Blog

Prima uscita con il figlio: a saperlo restavo a casa!

Quando aspettavamo nostro figlio sognavamo continuamente scene idilliache di momenti da trascorrere insieme a lui: immaginavamo che la mattina ci saremmo svegliate insieme dopo una ristoratrice notte di sonno, in pochi minuti l’avremmo allattato (senza nessun dolore eh), e poi bellissime e felici a pochi giorni dal parto ce ne saremmo andate a fare una bella passeggiati per mostrarci splendenti al mondo insieme a lui. Ma poi, nella realtà, è andata davvero così??

 

 

1. IL TRIO: COME AVREBBE DOVUTO ESSERE

Il Trio si è rivelato davvero un ottimo acquisto! Pratico, veloce da aprire e chiudere, con due mosse lo carichiamo nel portabagagli. È davvero leggero ed elegante! Possiamo arrivare subito ai giardinetti o dove fare la passeggiata senza nessuno problema, e se dobbiamo caricarlo in macchina non c’è nessun problema

IL TRIO: COME è STATO NELLA REALTà

Questo maledetto Trio costa più di un figlio agli studi e già lo odiamo. Per aprirlo e chiuderlo serve una laurea con specializzazione, va smontato in venti pezzi che poi lo dobbiamo riassemblare in mezzo alla strada una volta scesi dalla macchina. Nel portabagagli non ci sta: anche perché noi non ce l’abbiamo un portabagagli nella macchina, comptrata quando ancora i figli più belli erano quelli con cui non avevamo niente a che fare. E a che serviva, quando eravamo da sole? Dobbiamo quindi legarlo davanti come fosse un passeggero, oppure occupare tutto il retro. Che poi non c’entra il figlio. Alla fine quel chilometro dai giardinetti lo facciamo a piedi.

 

2. L’USCITA DA CASA, COME AVREBBE DOVUTO ESSERE

Il piccolino ha mangiato, è cambiato, pulito e dorme come un angelo. Lo carichiamo in macchina o partiamo a piedi, verso una rilassante passeggiata.

L’USCITA DA CASA, COME è REALMENTE

Lo abbiamo appena sfamato, cambiato, non ha dolori, non gli manca niente eppure urla come una sirena. Non appena lo adagiamo sulla navetta raddoppia gli strilli. Lo solleviamo e smette. Lo appoggiamo e ricomincia. Quando piange un po’ meno riusciamo a caricarlo in macchina. Siamo talmente sudate che anche a gennaio possiamo stare tranquillamente in t-shirt. Attimo di silenzio: il pannolino è di nuovo pieno. Ritorniamo al via e ricominciamo da capo.

 

3. IL NOSTRO ASPETTO: COME AVREMMO VOLUTO CHE FOSSE

A qualche settimana dal parto abbiamo praticamente riconquistato la forma fisica, a parte un po’ di pancetta (fisiologica) e due taglie di reggiseno in più. Camminando ci specchiamo nelle vetrine con un certo orgoglio.

IL NOSTRO ASPETTO: COM’è NELLA REALTà

La forma fisica pre gravidanza è ancora un miraggio. Abbiamo l’armadio pieno di abiti che ovviamente non ci stanno e l’unica soluzione e mettere le stesse cose dell’ultimo mese di gravidanza. Quando passiamo davanti ad una vetrina che ci riflette, acceleriamo il passo.

 

4.INCONTRARE GENTE: COME AVREBBE DOVUTO ESSERE

Ai giardinetti incontriamo qualche conoscente. Ci fanno i complimenti, ci dicono che il bambino è bellissimo ed è il nostro ritratto, e che noi siamo raggianti. Ci sentiamo la regina del mondo.

INCONTRARE GENTE: COM’è NELLA REALTA’

Dopo aver faticosamente raggiunto la meta, facciamo la famosa passeggiata e ci sistemiamo su una panchina. I conoscenti ci dicono, nell'ordine: che bel maschietto! (ed è una femmina, vestita di rosa, in un passeggino fucsia), dai non preoccuparti, quando crescono diventano più belli, ehi, è proprio il ritratto di tua suocera!! I più distratti, che non notano il passeggino, ci chiedono a quando il lieto evento. Iniziamo a rimpiangere profondamente di essere uscite di casa.

 

Quindi ci dirigiamo verso casa e …miracolo: una volta arrivate il pargolo dorme: e noi ci possiamo regalare un massaggio defaticante con il Gel Defaticante Gambe Mustela, che rilassa e dona una sensazione di sollievo immediata alle gambe stanche!!

Domani ci riproveremo: e piano piano riusciremo a trovare la routine perfetta.

Ma forse voi siete state più fortunate…Com'è stata la vostra prima uscita con il pargolo?

 

POST IN COLLABORAZIONE CON MUSTELA!!

 

Blog

Ricordati di me

Ricordati di me, anche se un giorno dovessi andarmene, così veloce da non poterti salutare. Anche se tu dovessi essere troppo piccolo per capire perché sono volata via e gli adulti intorno troppo tristi per dirti le parole giuste.

Ricordati di me e del profumo della salvia, del basilico, del rosmarino, di quando giochiamo a indovinarli con gli occhi chiusi, una fogliolina passata sotto al nasetto, e il tuo strillo di gioia a sentire quell'odore buono. Perché il mondo è un insieme di profumi che rendono il giorno più bello, e che si stampano nella memoria per sempre.

 

Ricordati di me e delle parole che leggiamo insieme, di giorno, di sera, nei tanti libri che affollano casa nostra. Il mio dito e il tuo ditino che seguono le righe, una lettera alla volta, come mia madre e mio padre hanno fatto con me. Perché è scalando quelle sillabe che scoprirai il mondo, e avrai le parole giuste per raccontare chi sei.

 

Ricordati di me e dei baci sul collo, che non posso non darti quando ti prendo in braccio, per sentire quella piega morbida che con gli anni scomparirà. Perché la pelle dell’altro, se l’altro sei tu, è un distillato d’amore, un tessuto perfetto che ricopre il mio bambino perfetto.

 

Ricordati di me e delle nostre buone-notti infinite, fatte di favole, baci e arcobaleni. Perché per te dormire è come partire ogni volta in viaggio, e io ti saluto dalla sponda del lettino, mentre guardo i tuoi occhi stanchi chiudersi, e ti resto vicina, perché sia l’ultima cosa che vedi la sera e la prima ad accoglierti al mattino.

 

Ricordati di me e della mia voce, che anche se non sa cantare sa dire ti voglio bene. Perché le voci sono complicate: sono la prima cosa ad andarsene quando il ricordo di una persona comincia a sbiadire.

 

E invece voglio per tutta la vita che possa ricordare la mia voce che ti parla d’amore.

Blog

"Lyana": storia di un amore infinito

Oggi vi racconto una storia speciale.

Quattro anni fa Luna nasce con una gravissima prematurità e una gravissima cardiopatia. Era appena un respiro sommesso, era solo la speranza di mamma Irene e papà Andrea. Ma Luna era anche una straordinaria guerriera, e grazie al lavoro dei medici del Salesi riesce a crescere ed ad affrontare la sua difficilissima salita, un giorno dopo l'altro. Luna in quattro anni subisce 4 interventi al cuore presso il Centro di Cardio Chirurgia Pediatrica e Congenita degli Ospediali Riuniti di Ancona.

 

Ora, io non lo so che forza serva ad un genitore per affrontare quattro anni così: o almeno non lo sapevo, finchè non ho avuto modo di conoscere meglio Irene. E lì ho capito una cosa. Quando un essere umano viene sottoposto a sofferenze così terribili, può prendere due strade. Può diventare duro, una roccia di insensibilità, chiuso nel suo dolore, incapace di aprire ad altri il proprio cuore. Oppure può elevarsi ad amore puro. Diventare, se suo figlio soffre ed è malato, il genitore di tutti i bambini che stanno male.

 

Ed Irene ha trovato la forza di fare proprio questo. Mentre Luna cresceva, si è trovata davanti alla necessità di spiegare quelle operazioni, di spiegare cosa succede al suo cuoricino. E ha capito che tutti i bambini nella stessa situazione di sua figlia, necessitano di sapere, nella maniera più semplice e delicata possibile, a cosa vanno incontro.

 

 

Gli stessi genitori hanno bisogno di sapere quali parole usare: come trasmettere le informazioni necessarie.

E così è nata "Lyana, la Tigre Indiana": la storia di una tigrotta coraggiosa con un cuore capriccioso, che deve affrontare le cure necessarie. Accanto alla fiaba , illustrata in maniera deliziosa da Simona Volponi e Agnese Croce, c'è la testimonianza della Psicologa Annalisa Cannarozzo che spiega come "Somministrarla" ai bambini e quella di Marco Pozzi, il Direttore del Centro di Cardio Chirurgia Pediatrica e Congenita degli Ospediali Riuniti di Ancona, il medico che tiene letteralmente in mano la vita di questi piccoli. Ci sono anche tanti giochi da fare, perchè la vita d'ospedale è lunga.

 

Grazie al lavoro di Irene e alla collaborazione con il Comitato dei Genitori dei Bambini cardiopatici di Torrette, e grazie ad uno sponsor, il libriccino viene stampato. E farà parte di un piccolo dono speciale che sarà consegnato a tutti i bimbi che dovranno operarsi, insieme ad una tigrotta di peluche, donata dall'Ikea e ad un camice speciale, il camice del coraggio, da fra indossare ai bambini prima di entrare in sala operatoria.

 

Lyana è un miracolo, un vero miracolo: nato dal cuore di una mamma che ha un amore infinito da dare, preoccupata per tutti i bambini che devono vivere l'esperienza che vive la sua Luna.

 

E Irene è stata così generosa da fare un regalo pure a me: permettermi di scrivere l'introduzione di Lyana. E posso dirvi quanto è stato emozionante, ma anche emotivamente faticoso, mettermi nei panni di quelle mamme e di quei papà.

 

Il prossimo anno anche io dovrò tornare ad operarmi, per cambiare le pile del pace-maker: una cosa semplice, dicono, ma io un po' di paura ce l'ho lo stesso. E vorrei ci fosse una piccola Lyana di peluche lì, a farmi compagnia e dirmi che andrà tutto bene!

 

Grazie davvero Irene!!

 

ps. E non dimenticate che anche voi potete aiutare il Comitato, acquistando il bellissimo calendario realizzato da Cogli l'attimo: li trovate in questa pagina di Fb https://www.facebook.com/ilcomitatogenitori/.

Sceglietelo come regalo di Natale, e sosterrete il loro incredibile lavoro!!

 

Blog

La custode dei tuoi attimi

Io sono la custode degli orari. Dei bagnetti, di giochi e lezioni. Di progetti, feste e cene. Di appuntamenti e compiti.
Io sono la custode dell'informazione. So chi dovrà mangiare al volo o diventerà intrattabile, chi ha bisogno di un abbraccio prima di dormire, chi deve calmarsi da solo sul divano. Se ci sono ancora calzini puliti e se c’è abbastanza latte per fare colazione domani mattina.

 

Io sono la custode delle soluzioni. Di cerotti e snack sparsi nella borsa borsetta. Ma anche di balsami emozionali e coperte di Linus. Sono anche la custode delle preferenze: dei cibi amati e di quelli odiati, delle abitudine notturne e di cosa fanno appena svegli.


Io sono la custode dei solleciti. Ricordo di essere gentili, di raccogliere la loro spazzatura, di mettere nell’acquaio i loro piatti, di fare i loro compiti, di dire grazie e prego.
Io sono la custode dei rituali e dei ricordi. Dei Natali passati e dei compleanni futuri, la collezionista di foto e lavoretti dell’asilo, la scrittrice dei bigliettini della fatina dei denti.

Io sono la custode della sicurezza emotiva. Conosco i segreti e le paure, li aiuto a navigare fuori dalle loro arrabbiature e a fare pace con se stessi e con gli altri. Io sono l’arbitro delle litigate, quella che ricorda la parola che non si conosce bene, quella che li afferra prima di cadere quando stanno facendo i loro primi passi.

Io sono la custode della preoccupazione. La loro e la mia.

Io sono la custode del bene e del male, del buono e del cattivo.

E tutte queste cose gravitano nella mia mente, ogni giorno: le cose più leggere mi fanno volare insieme a loro, le più pesanti mi tirano a terra, fino a quando non alzo la testa e penso che bisogna andare avanti

Tutte queste cose che possiedo nella testa sono invisibili, intangibili. E in molti casi, piano piano, andranno a sparire. Eppure essere la custode di tutto questo a volte è una gran fatica: ma resta anche un onore. Siamo noi custodi che facciamo girare il mondo: che rendiamo possibile la vita dei nostri figli. Piano piano passeremo a custodire non più le informazioni del presente, ma i ricordi del passato.

Sono la custode del primo sguardo che ci siamo scambiati, la protettrice del primo istante della tua vita.

E lo sarò sempre.