string(15) "575,577,493,128"

Primavera-estate 2017: idee moda per le nostre bimbe!

Colore, bon ton e sporty style: la moda per bimba in questa primavera/estate 2017 lascia davvero sfogo alla creatività delle mamme e ai desideri delle piccole, con un variopinto arcobaleno di possibili outfit.

Matilde ed io siamo andate a fare shopping e grazie ai consigli di Lilly, del negozio Mon Amour Lilly di Appignano, abbiamo provato tanti abiti diversi (e di alcuni ci siamo decisamente innamorate!).

Ecco allora alcune delle idee che la fantasia di Lilly ci ha proposto, adatti sia alle cerimonie (abbiamo un matrimonio dietro l'angolo) che ai giochi di tutti i giorni.

 

Parola d'ordine...leggerezza!

I bambini vogliono essere liberi, giusto? Ma libertà non è sinonimo di trascuratezza: si può essere deliziosi anche con abiti comodissimi, come la blusa bianca con stampa tortora e i leggins abbinati che Matilde ha provato in negozio. Basta un fiore tra i capelli e la nostra piccola principessa è assolutamente perfetta!

 

Rock e romantica!

È possibile essere romantiche e grintose al tempo stesso? Con questo abito comodissimo decisamente sì, dove con un tocco di tulle e tanti glitter fucsia uniti ad una canotta per la parte superiore ci si può sentire principesse e fare una corsa senza perdere in nessun modo la propria libertà. 

 

 

E grazie a Lilly imparariamo a giocare con gli accessori: e un foulard oppure un cerchietto con gli strass sono il tocco che rende l'abito ancora più speciale.

Stile Chanel? Intramontabile...

E' impossibile non riconoscere nei colori e nello stile l'ispirazione Chanel di questo capo: i pantaloni di pizzo blu e la magliettina a righe sono un tuttuno, vestono alla perfezione e sono davvero comodi. Siamo pronte per una passeggiata al mare, a mangiare un buon gelato.

 

 

Giallo, giallo giallo!

Inutile dirlo, tanto lo sapete già: il giallo è il colore perfetto per l'estate, ci dà luce e si adatta a tutte le bimbe. Bastano un paio di pantaloni in pizzo elastici e una t-shirt stampata, per accendere il viso delle vostre piccole!

  

La gonna? Un evergreen

Di questa gonna Matilde si è letteralmente innamorata: tanto tulle, un tocco di giallo per renderla più sbarazzina e una semplice t-shirt l'hanno resa felice. Come darle torto?

 

Due look Bon Ton: difficile scegliere

 

Quale preferire tra questi due abiti deliziosi? L'accostamento bianco e blu o il blu come unico colore? In entrambi i casi il risultato è impeccabile, e Matilde sembra pronta per andare ad una cerimonia!

 

 

 

 

Insomma, è stato un lungo pomeriggio di shopping...reso più leggero dai consigli che Lilly ha saputo darci per rendere Matilde ancora più bella (anche se da mamma dico che è difficile riuscirci).

Da Mon Amour, ogni volta che torno, trovo sempre un sorriso e tante idee deliziose: e diventa divertente anche fare compre!

 

Perchè non dobbiamo mai dimenticare che la moda, per i piccoli, significa comunque libertà, divertimento e buon umore!

 

 

 

Vi sono piaciuti gli abiti che ha provato Matilde?

Ecco cosa ha indossato nelle foto:

 

Blusa e leggins tortora: brand IDO

Abito bianco e nero con gonna in tulle: brand GAIALUNA

Tuta intera con pantaloni in pizzo e magliettina a righe: brand IDO

Pantalone giallo in pizzo e t-shirt: FUN&FUN

Gonna blu in tulle con fiore giallo e t-shirt: SILVIA HEACH E BYBLOS

Abito bianco e blu a fiori: brand GAIALUNA

Abito blu: brand IDO

Pantaloni a poi e t-shirt: brand IDO

 

E li trovate tutti da Mon Amour, ad Appignano in via Roma 22/24 ad Appignano (Mc): e se passate, salutatemi Lilly!!

 

 Post in collaborazione con Mon Amour Lilly!

Daniela, founder e Ceo del sito "C'era una mamma", marchigiana, copy freelance ed esperta di comunicazione, mamma di Tommaso e Matilde.

Ti potrebbe interessare

Moda Moda bimbi

Moda bimbi primavera estate 2018

Sarà una moda irriverente quella che vestirà i nostri bimbi nei prossimi mesi: le collezioni primavera estate 2018, infatti, hanno permesso di scoprire soluzioni, formati e colori all'insegna del divertimento. Un esempio? Le proposte di John Richmond Junior, in cui le tonalità cromatiche privilegiate saranno il fucsia, l'oro e il nero; ma non mancheranno nuance più infantili, come il khaki e il bubble gum, ideali per andare a comporre un guardaroba ilare ma essenziale. I rimandi al Giappone, al mondo dei bikers e all'universo dei tatuaggi daranno vita a un universo di sfumature che metterà in risalto la creatività dei più piccoli.

 

La maison italiana Emilio Pucci e Simonetta, a loro volta, punteranno tutto sui colori più freschi, per una scarica di energia a cui l'azienda fiorentina, nota per la sua leadership nel settore childrenswear, ormai ci ha abituato. In perenne equilibrio tra tradizione e ricerca, ecco forme geometriche imperfette e tinte accese. Un altro brand italiano che andrà per la maggiore è Sarah Jane, concentrato sull'abbigliamento delle bimbe e delle adolescenti, in una fascia di età che va dai 2 ai 16 anni. Le stampe dei capi da bambina si abbinano ad accessori ricercati che coniugano la tendenza fashion con lo spirito fanciullesco: e per le giornate primaverili caratterizzate dalla pioggia ecco delle utili mantelline foderate in cotone, da usare anche in occasione degli imprevedibili acquazzoni estivi.

 

La moda primavera estate bimbi 2018 sarà impreziosita anche da Kenzo Kids e dal suo stile urbano: lo si può notare in una collezione contemporanea che trae in modo evidente ispirazione dagli adulti, senza per questo rinunciare allo stile giocoso dell'infanzia. Non passa inosservato il mix di stampe animalier scelto per gli zaini e per i capispalla, mentre le t-shirt avranno un aspetto minimal che sarà messo in evidente da dettagli fluo. A proposito, tessuti fluenti e denim saranno accostati per un effetto più che sorprendente.

 

Per i bambini dai 4 anni in su e per i ragazzi fino ai 16 anni, ecco le trovate di American Outfitters, noto anche con il nome di AO76: un brand celebre e celebrato per la sua capacità di sperimentare tecniche innovative, con soluzioni sia per i maschietti che per le femminucce. Capi sportivi alla moda e pensati per regalare a chi li indosserà tutto il comfort necessario. Perfino Dolce e Gabbana si cimenta in vestiti e capi per bambini: ortensie e fiori colorati, caratteristici del marchio, domineranno tutti gli indumenti, per un tripudio di natura e gioia.

 

Infine, vale la pena di menzionare gli abiti quasi gipsy di Monnalisa, che per le stagioni a venie gioca sugli scolli alla baiadera, non lesinando cascate di rouches e integrando gonnelloni a vita alta. Il ritorno al passato si materializzerà con bomber in tessuto extra leggero o nella classica versione chiodo, ma animata da ricami floreali. Tra fantasie tropical e paiellettes, le bambine e le adolescenti faranno di tutto per farsi notare, magari indossando top micro o pantaloni con orli sfrangiati, ma anche gonne a teli movimentate da balze.

Moda Moda bimbi

PittiBimbo 86: spettacolo spectacular!

Da quando sono nati i miei figli ho scoperto che fare shopping è un'esperienza davvero appagante. E non solo perché se devono mettere una taglia in più di quella che avevo scelto non è motivo di imbarazzo, ma di orgoglio (accidenti come crescono!!) ma anche perché posso lasciare libera la fantasia e giocare con i loro stili!

Ho passato una vita a vestirmi di nero: con loro invece amo i colori di ogni tipo, mi piace mescolare gli stili, e se Tommaso con la sua faccia da inglesino è perfetto con abbigliamenti più vintage, Matilde che è principessa inside vivrebbe sempre immersa nel tulle.

 

E’ importante pensare alla qualità dei capi, ma con un occhio anche al prezzo: non dimentichiamo che, soprattutto quando sono molto piccoli, veramente gli abiti durano lo spazio di pochissimi mesi (se non di meno).

Per sapere davvero tutto sulle prossime novità (parliamo di autunno/inverno) 2018/2019 sono stata al Pitti Bimbo 86, e vi giuro che ho rischiato di cadere vittima della Sindrome di Sthendal.

 

E ho capito anche perché in queste situazioni non si può comprare nulla direttamente, ma bisogna aspettare che arrivi nei negozi: perché altrimenti mi sarei ipotecata casa.

 

Ovviamente, come sapete bene, lungi da me essere smaccatamente fashion e glamour: ma per una volta ho deciso di toccare con mano i prodotti che poi troviamo nei nostri negozi preferiti, ma anche di scoprire le storie che ci sono dietro certi brand, storie fatte di creatività, ma anche impegno e infinito lavoro.

Ho scoperto anche che al Pitti non ci sono solo straordinari vestitini e impareggiabili scarpette: ma c’è tutto quello che ruota intorno alla vita dei nostri figli.

 

Cosa mi è piaciuto davvero tanto?

Adesso ve lo racconto!

I tessuti e le tinture a misura di bimbo di European Culture

Si può essere sobri e unici al tempo stesso? Magari con capi trendy e sportivi ma adatti alle situazioni più disparate? European Culture ci riesce, sdoganando quello che può essere definito un “Active Elegant Wear adatto ai nostri figli. Ma ovviamente quello che ho apprezzato di più è stata la cura della qualità: i capi realizzati in materiale di primissima qualità arrivano alla tinta tutti degli stessi colori neutri, e poi vengono trasformati nelle nuance specifiche della stagione. E sono a prova di allergia: e da mamma di figli con dermatite atopica, che deve prestare attenzione a tutto, non posso che apprezzare questa scelta!

 

Non solo fashion: Mangia e scopri Zerotre di Rustichella d’Abruzzo

Chi lo dice che il Pitti è solo abbigliamento?? Io ho scoperto il segreto per far mangiare le verdure ai nostri bimbi: la linea Zerotre di Rustichella d’Abruzzo, l’azienda che trae le sue origini dall’antico pastificio Gaetano Sergiacomo, fondato nel 1924 a Penne.  Si tratta di una linea speciale studiata anche per lo svezzamento, che permette ai bambini di consumare pasta e pastina che già contengono frutta e verdura al loro interno. Presto ve ne parlerò nel blog, perché loro meritano davvero!

Gli indispensabili: Naturino

Avete presente l’appoggio del piede di un bambino sulla sabbia del mare? Ovviamente sì, e da mamme sappiamo come camminare a piedi nudi sulla sabbia sia un esercizio importante per i piedini in crscita dei nostri figli. Per questo Naturino ha ideato l’esclusivo Sistema Effetto Sabbia: un appoggio morbido che ricrea la situazione naturale della camminata sulla sabbia del mare e favorisce la formazione della volta plantare e delle articolazioni.

Solo per mamme e bimbe speciali: Machedavvero capsule collection con Illytrilly

Cosa succede se una blogger strepitosa come Chiara Cecilia Santamaria aka @Machedavvero incontra una designer come IllyTrilly? Che nasce una capsule collection deliziosa "Stars and storm", per mamme e bimbe coraggiose, e anche un po’ per darsi coraggio, aggiungo io. Non vedo l’ora di acquistare il cerchietto con l’arcobaleno che mi sono provata in Fiera, e di metterlo tutte le volte che ho bisogno di un arcobaleno anche nel cuore!

 

Kuxo': la magia del filato

Durante la mia visita al Pitti sono andata a visitare anche lo stand degli amici di Kuxo' (che mi hanno regalato un delizioso maglioncino per le Barbie di Matilde) e ho potuto vedere anche le novità della loro collezione. Una collezione romantica come piace a me ma anche giocosa, con elementi geometrici e toni e sfumature veramente deliziosi. I materiali? Quelli che noi mamme preferiamo: di grande qualità, dalla lana, alla viscosa sino al 100% cashmere e alle lavorazioni e alle applicazioni scelte perché sono sempre i dettagli che fanno la differenza!!

 

Se dici Kickers….dici bimbo!

 Impossibile andare al Pitti senza visitare Kickers: le scarpe che portavamo noi da bambini (il brand è "sulla breccia" dal 1970), che i nostri genitori sceglievano con cura e amore sono le stesse che adessono noi possiamo acquistare per i nostri bambini. Pelle morbida, suole flessibili, colori bellissimi: insomma comfort e moda si sposano perfettamente negli iconici modelli Kichers!
 

 Bamboom: la tenerezza fatta tessuto

Guardi Bamboom e pensi immediatamente che è ora di fare il terzo pargolo: perchè il loro abbigliamento e i loro accessori per la prima infanzia, 100% made in Italy con design olandese, sono di una tenerezza infinita. Inoltre sono fatti con la fibra di bamboo e rispettano la pelle delicatissima dei nostri bebè.

 

Gallucci: tra passato e futuro

Il brand Gallucci ha sempre fatto parte della vita dei miei bambini: basti dire che le scarpine blu lucide con gli occhielli, con cui Tommy ad un anno e mezzo ha percorso la navata per accompagnarmi dal suo papà, il giorno del nostro matrimonio, erano proprio Gallucci. E la nuova collezione che troveremo nei negozi per il prossimo autunno inverno non delude nemmeno le aspettative più elevate, sia nella linea più classica che in quella più trendy.

Corri corri formichina! Noeser è davvero una bella scoperta

Tra le scoperte di questo Pitti mi piace segnalare il brand Noeser, che lavora con cotone biologico, prodotto in Europa: prezzi alla portata di tutti, grafiche divertenti, persino una sezione dedicata alle mamme sul loro shop. La linea pensata per l’autunno inverno 2018/2019, ispirata all’Australia, con tante formichine che camminano lungo i capi e cappelli con mascherine da canguro è davvero irresistibile!

 

Buzz: tutto a misura di bimbo

Nello stand Buzz oggi oggetto è stata scoperta e sorpresa. Buzz, come tutti sanno, è il rivenditore di tantissimi brand che apprezziamo dall’abbigliamento all’oggettistica legata all’infanzia. Ho potuto vedere marsupi gemellari, fasce elastiche che persino una sprovveduta come me avrebbe saputo indossare e mi sono letteralmente innamorata del brand Nibbling. Emily Sutter, la simpaticissima fondatrice, ha realizzato meravigliose collane da allattamento, portaciucci e altri oggetti in silicone perfetti per la dentizione dei nostri bimbi. E sono talmente belle che si indossano anche se non si allatta più!

 

Jarret: e se facessimo un look mini me?

È un anno speciale, questo, per Jarrett azienda marchigiana based a MonteUrano che festeggia i due lustri di attività: e quindi un profumo dedicato a questi 10 anni di successi, una capsule di abbigliamento con il nome del brand in bella vista ma soprattutto le strepitose linee pensate da Paolo che, come ho scoperto, arrivano fino al mio numero. E per un attimo ho immaginato me e Matilde con le stesse scarpe coloratissime e glitterate o con gli stivaletti dipinti. O magari anche solo io ;)

 

Ovviamente scherzo, ma questa prima esperienza al Pitti è stata davvero illuminante: e non vedo l’ora di trovare nei negozi tutte le cose deliziose che ho avuto modo di scoprire per voi!

 

Moda Moda bimbi

Come scegliere le scarpe dei bambini

Ho sempre pensato che per le scarpe dei bambini non bisogna badare a spese: i loro piedini in crescita sono così delicati che hanno diritto ad indossare sempre il meglio. Però a differenza dei vestiti, le scarpe sono un capo decisamente più ostico da scegliere. Come devono essere misurate? Cosa bisogna controllare?

Ecco una guida per fare sempre la scelta giusta!

Caratteristiche delle scarpe dei bambini

Le scarpe dei bambini devono avere caratteristiche ben precise: ovvero devono essere comode, flessibili e leggere. Anche l’altezza deve essere ponderata, perché potrebbero risultare poco portabili se li intralciano alla caviglia. Durante la bella stagione basta scarpette chiuse e lasciamo al piedino la possibilità di respirare con un bel paio di sandali. Meglio però, se il bambino ha meno di due anni, optare per quelle chiuse, visto che lui ancora non è sicuro nel camminare, inciampa e può farsi male ai piedini. Meglio magari all’inizio optare per le scarpine con la cosiddetta “flex zone” fatte appositamente per i primi passi poiché garantiscono alla scarpa la massima flessibilità anche quando il bambino gattona.

Scarpe dei bambini: come misurare il piedino?

Facciamo attenzione: le scarpe non devono essere né troppo “giuste” né troppo larghe! Se da un lato, magari per paura che le perdano per strada, rischiamo di comprarle troppo strette, e quindi di farli stare scomodi, dall’altro non dobbiamo nemmeno esagerare per risparmiare. Una scarpa troppo grande rischia di intralciare il bambino nelle attività di tutti i giorni.

Come misurare il piedino nel modo corretto?  Basta mettere il nostro piccolo a piedi nudi su un foglio bianco e disegnare il contorno, poi fare una linea che va dal tallone all’alluce e aggiungere un centimetro: ecco fatto, avete la misura esatta!

Un altro consiglio: meglio portarli in negozio al pomeriggio, quando il corpo è “più gonfio” e in questo modo avremo la certezza che le scarpe saranno sempre perfette.

 

Numero scarpe per bambini in base all'età

Dobbiamo fare attenzione: numero di scarpe ed età non vanno di pari passo, perché ci sono bambini con piedi molto piccoli (anche se sono alti) e viceversa: basiamoci invece su queste indicazioni:

9,7 cm corrispondono al numero 17

10,4 cm corrispondono al numero 18

11 cm corrispondono al numero 19

11,7 cm corrispondono al numero 20

12,4 cm corrispondono al numero 21

13 cm corrispondono al numero 22

13,7 cm corrispondono al numero 23

14,4 cm corrispondono al numero 24

15 cm corrispondono al numero 26

 

 

Taglie delle scarpe da ginnastica

Spesso le scarpe da ginnastica riportano la taglia americana. Ecco come fare la conversione dalla taglia USA a quella italiana:

taglia USA 5 corrisponde al numero 37 italiano

taglia USA 4,5 corrisponde al numero 36 italiano

taglia USA 3,5 corrisponde al numero 35 italiano

taglia USA 3 corrisponde al numero 34 italiano

taglia USA 2 corrisponde al numero 33 italiano

taglia USA 1,5 corrisponde al numero 32 italiano

Per le scarpe di misura inferiore si riparte dal numero 13 USA che corrisponde alla misura 31 italiana.

Ricordiamo infine che le prime scarpe che prendiamo ad un bimbo che sta imparando a camminare devono avere la punta ampia ma devono essere flessibili (perché ancora gattonata tanto) con rinforzi alti e rigidi all’altezza del tallone che aiuta la stabilità: così il bambino si sentirà più sicuro e sarà aiutato nei suoi primi passi!

Moda Moda bimbi

Pitti Immagine Bimbo 86

Torna Pitti Immagine Bimbo, con l’edizione numero 86, il Salone della Moda tutto dedicato ai nostri piccoli: dal 18 al 20 gennaio infatti, Fortezza da Basso a Firenze sarà l’incantevole scenografia di tante proposte, di ogni genere e di tantissimi eventi.

C’è tanto lavoro, tanta ricerca e tanta voglia di accontentare grandi e piccoli, dietro agli abiti, alle scarpette e agli accessori protagonisti del salone di quest’anno, e come ogni volta le proposte ( che poi troverete dal prossimo autunno inverno nei vostri negozi di fiducia) sono assolutamente per tutte le tasche e per tutte le ispirazioni. Si adattano quindi alla Sport Generation ma anche a chi ama lo stile Urban street, con tocchi più glamour e con le proposte coloratissime di tanti brand, senza dimenticare le marche votate al bio e al rispetto dell’ambiente.


Eventi Pitti Immagine Bimbo 86

"The Golden Age": per festeggiare i suoi 50 anni, lo splendido Brand Monnalisa organizza "The Golden Age": per la prima volta la Fortezza da Basso si illuminerà by night. Al Piano Attico del Padiglione Centrale, giovedì 18 gennaio, dalle 19,30 in poi sfilata, musica e long cocktail con polvere di luna.

Simonetta presenta “Quanti palloncini ci vogliono per far volare un sogno?” una speciale installazione alla Limonaia di Villa Vittoria, giovedì 18 gennaio. Roberto Cavalli Junior veste di giaguaro e di stampe uno spazio personalissimo alla Fortezza da Basso. Imperdibile anche la presenza di Miss Blumarine che ritorna a Pitti Bimbo per presentare la sua nuova collezione F/W.  L’iconico brand di outerwear Colmar Originals debutta a Pitti Bimbo con uno spazio al Padiglione Centrale.
 
Anche Timberland esordisce per la prima volta al Pitti Bimbo con uno spazio all’interno di Sport Generation. Chicco, il brand da sempre vicino alle famiglie in ogni momento di crescita dei propri bambini, torna a Pitti Bimbo per presentare la nuova collezione da 0 a 8 anni: dalle scarpine al total look. 

 

In questa edizione sarò presente anch’io per raccontarvi da vicino le proposte per il prossimo autunno inverno, con un focus particolare suoi produttori marchigiani, che offrono qualità elevatissima per le scarpette dei nostri piccoli.