string(15) "575,577,493,128"

Compleanno in inverno? Andiamo al Museo!

 

Nella bella stagione risulta più semplice organizzare le feste di compleanno dei nostri figli. Il caldo, il sole e le lunghe giornate offrono diversi spunti e location all’aperto dove i bambini possono passare del tempo in libertà e in allegria.

La stagione invernale invece offre meno possibilità e gli spazi chiusi rendono complicato contenere l’esuberanza di gruppi di bimbi vogliosi di divertimento.

E allora si cercano le alternative alla casa spesso non è sufficientemente grande da accogliere tutti i compagni e ci costringerebbe a tagliare sul numero degli invitati.

Cinema, saloni dell’oratorio, ludoteche, spazi vari prestati per l’occasione.

 

Ma avete mai pensato di organizzare un compleanno al Museo? Per bambini di età compresa tra i 5 e 10/11 anni potrebbe essere un’alternativa interessante e divertente. Chiedete nella vostra città e troverete certamente più di un museo che offre questo servizio.

 

 

A Macerata ad esempio il Museo della Carrozza ospitato presso i Musei Civici di Palazzo Buonaccorsi offre la possibilità di farlo con gruppi di minino 15 bambini (fino ad un massimo di 30). Gli animatori organizzano una caccia al tesoro, un laboratorio di attività e si può portare la merenda/torta da servire in una sala dedicata all’evento.

Vi assicuro, per esperienza vissuta, che i bambini si divertono un mondo!

 

Lucia, event planner di professione: adoro il bello, l'eleganza, il buon gusto e organizzo in maniera impeccabile i vostri piccoli e grandi eventi.

Ti potrebbe interessare

Festa!

Festa della mamma: ecco le 10 canzoni più dedicate di sempre!

 

La seconda domenica del mese di maggio, come di consuetudine, si tiene le ricorrenza legata alla Festa della mamma, in cui tutti i figli andranno alla ricerca di un presente da donare alle proprie mamme come simbolo di affetto e amore. La scelta del regalo da fare, soprattutto per chi non vuole essere scontato e banale, potrebbe rappresentare un vero problema, e le idee utilizzabili sono tantissime. Dai classici fiori, a biglietti con frasi o poesie, musiche, prodotti di bellezza e tanto altro ancora.

 

Capita a molti di scoprire all’ultimo che il giorno della Festa della mamma è arrivato, di non essere preparati a tale ricorrenza e non avere benché minima idea di cosa regalare alle propria mamma. Se non volete sentirvi dei figli ingrati, ma al contempo volete evitare le mete scontate “last minute” quali i fiorai, pasticcerie e centri commerciali, grazie alle potenzialità odierne del web, potete trovare tantissime curiosità, idee regalo e una miriade di interessanti sconti per effettuare il regalo giusto alla vostra mamma, visitando ad esempio la pagina web https://www.piucodicisconto.com/eventi-festa-della-mamma.html. Non fatevi quindi assalire dal panico e dall’agitazione, questo perché potreste incappare nel regalo sbagliato.

 

Per evitare brutte figure e al contempo rendere felici le vostre mamme, potete giocare una carta decisamente ad affetto e particolare come quella di dedicarle una canzone. Proprio per questo, di seguito, andremo a vedere quali sono le 10 canzoni più utilizzate di sempre per tale scopo.

 

Festa della mamma: le 10 canzoni più dedicate di sempre

 

Partiamo con Dear Mama, del 1995, che 2Pac Shakur dedicava alla propria madre Afemi, la canzone che narra di un viaggio nell’infanzia dura e povera del cantante scomparso tragicamente l’anno seguente e che annovera frasi come: “alla fine ho capito che per una donna non è facile provare a crescere un uomo….non c’è modo in cui io possa ripagarti, ma l’obiettivo è quello di mostrarti che ho compreso e apprezzato”.

 

Continuiamo poi con una canzone del 1961 Mama said, di The Shirelles, incentrata sui primi turbamenti di una ragazza in cerca di amore e che vede la presenza del ritornello tormentone “mamma mi avevi detto che ci sarebbero stati giorni come questi”. Veniamo poi ad una canzone italiana, di Edoardo Bennato intitolata Viva la mamma, del 1989, uno dei capisaldi delle canzoni d’amore dedicate a tale figura. Non meno famoso è anche il brano di Luca Barbarossa Portami a ballare, canzone che ha vinto il festival di Sanremo nel 1992 e che rappresenta ancora oggi una dolcissima dedica.  La classifica delle migliori canzoni da dedicare alla mamma si anima con Mama said dei Metallica, una ballata rock che racconta un rapporto conflittuale madre-figlio, quello vissuto dal componente della band.

 

Anche nel rap possiamo trovare delle dedicate giuste per la Festa della mamma, è il caso dei Sottotono e della loro Amor de mi vida, singolo del 1999 e divenuto un inno per coloro che sono cresciuti negli anni ’90. Una delle canzoni rock più belle di sempre è invece Simple man dei Lynyrd Skynyrd del 1973, un concentrato di consigli e amore materno verso un giovane uomo alla ricerca di un posto nel mondo. La classifica delle 10 migliori canzoni termina con The wall dei Pink Floyd, Julia composta da John Lennon, dedicata alla madre scomparsa e infine, tra quelle sicuramente più utilizzate e ricordate, Mamma di Claudio Villa.

 

 

 

 

Festa!

Momenti importanti: la Cresima d’Autunno

  Settembre, mese di passaggio. I colori cambiano, le tonalità si fanno più calde ed accoglienti quasi a prepararci per l’inverno.

 

Cresima d'Autunno: due scelte interessanti

Da qualche anno segna anche l’inizio della stagione delle Cresime. Il periodo invita alla scelta di colori e decori legati alla stagione, arancio, rosso, giallo. I due ragazzi che ho avuto la fortuna di seguire in questo periodo hanno fatto scelte diverse: Giacomo ha scelto il bosco d’autunno, inserendo la bomboniera nel contesto dell’Agriturismo dove ha festeggiato con i parenti mentre Annalisa ha voluto dare un tocco raffinato al suo invito e ha coordinato la scatolina che ha lasciato a tutti come ricordo.

 

Cresima d'Autunno: rosso, colore della tradizione

Tradizionalmente il colore della Cresima è il rosso e può essere declinato in diversi modi sull’invito come sui sacchettini o scatoline porta confetti. I confetti, come tradizione, devono essere messi sempre di numero dispari di solito 3 oppure 5 e bigliettino stampato con nome e data della cerimonia. Ricordiamo che al padrino o alla madrina è opportuno consegnare una bomboniera diversa da tutte le altre oppure la stessa bomboniera aggiungendo un regalo.

 

Cresima d'Autunno: centrotavola a tema

Consiglio sempre di predisporre una semplice decorazione a tavola che richiami il “tema” scelto: sono perfette le decorazioni floreali inserite - ad esempio - in piccole cassette di legno rustico o in barattoli di vetro trasparente giocando con le calde tonalità tipiche di questa stagione. Dove possibile creare un piccolo angolo dove allestire i confetti e le bomboniere che il cresimando dovrà poi consegnare personalmente agli invitati.

Festa!

Compleanno in estate: ecco come fare!

Come festeggiare in maniera semplice ma divertente il compleanno in estate di un bambino? Noi abbiamo trovato la quadratura del cerchio: ed ecco degli ingredienti che sembrano magici, visto che funzionano alla perfezione.

Abbiamo preso del buon cibo fatto in casa, l'abbiamo reso speciale con piatti, bicchiere e decorazioni personalizzate per la festeggiata, abbiamo coinvolto i genitori e fatto giocare i bambini a più non posso. Non ci credete? Adesso vi faccio vedere: siamo diventati tutti personaggi di una favola, ed è stato fantastico.

A fine festa mia nipote Giulia si è avvicinata e a ha detto: Zia, forse non dovrei dirlo, perchè era il compleanno di Matilde....ma mi sa che mi sono divertita più di lei!!

 

Compleanno d'estate: il buffet

 

Io amo cucinare e ho preparato i classici cibi da buffet di compleanno che i bambini adorano.

E quindi ho fatto le pizzettine tonde di sfoglia, sia semplici al pomodoro che bianche con il rosmarino. Un piccolo segreto: per avere il bordo che si rialza, dopo averle tagliate tonde segnatele con un piccolo coppapasta!

 

 

C'erano poi i rustici, con wurstel prosciutto cotto e scamorza, e i panini morbidi da buffet, imbottiti con affettato. Ho impastato poi un chilo e mezzo di farina e fatto pizza bianca, al pomodoro e farcita. Ho aggiunto qualche verdura dell'orto cotta al forno, perchè sono deliziose e possono essere mangiate fredde. Come dolcetti ho fatto creme caramel e panna cotta, e li ho fatti raffreddare in piccoli bicchieri di plastica trasparente. La torta era un semifreddo al tiramisù, decorato con ciuffi di panna e fiori colorati, fatto sempre da me.

 

Compleanno d'estate: le decorazioni

 

Matilde è talmente innamorata di Frozen, che avrebbe voluto passare il giorno del suo compleanno vestita da Elsa. Ma visto che faceva un po' caldino, abbiamo piuttosto optato per le deliziose decorazioni di Typelovers. Abbiamo sperimentato le produzioni di questa azienda che realizza davvero di tutto per i momenti speciali, e abbiamo scoperto che si tratta di oggetti non solo bellissimi, ma anche di qualità.

Nel sito potete scegliere tra tante differenti opzioni, dagli inviti ad un party kit completo. Noi abbiamo scelto proprio quello di Frozen, e abbiamo potuto decorare casa con la scritta Matilde, mettere il centro tavola con il disegno di Elsa, avere piatti e bicchieri personalizzati. C'erano anche cannucce e forchettine in azzurro e porpora. La scelta (per me era davvero difficile, visto che tutti i kit erano uno più spettacolare dell'altro, e abbiamo già trovato quello per i dinosauri perfetto per Tommaso a gennaio. E' tutto reallizzato con materiali di ottima qualità. Ma Typelovers può organizzare le vostre feste da capo a piedi: e il risultato sarà fantastico.

  

Compleanno d'estate: i giochi

 

Mio marito ha ricreato una serie di prove, che tutti i bambini dovevano affrontare (parliamo di 8 piccoli dagli 8 all'anno e mezzo), per diventare cavalieri. E quindi è arrivato un vecchio re che cercava bimbi buoni e coraggiosi, pronti a governare il suo regno.

Poi i papà e le mamme presenti i sono cimentati nei vari personaggi:

Chiara è diventata la fata del bosco e ha messo alla prova la creatività dei bambini che con i pezzetti di carta che avevamo tagliato hanno dovuto costruire un fiore e metterlo su di un foglio.

Sandro si è tramutato in un elfo, e ha dato lezioni di arco ai bimbi.

 

Con il mago Gilberto è stato messo alla prova il loro nasino, e hanno riconosciuto gli odori delle erbe aromatiche.

Io, la maga delle parole, li ho sfidati a fare delle rime con le parole che dicevo loro.

Nonno Sandro infine si è vestito da orco e li ha portati a giocare con acqua e terra (e vabè mio marito ha idee singolari).

 

Una volta ripuliti li abbiamo portati sul luogo dell'incoronazione. Avevamo preparato un mantello e una corona per ognuno di loro. Il re ha fatto gridare ad ognuno il proprio nome, si è complimentato per aver dimostrato coraggio e bravura e poi li ha invitati ad essere sempre bimbi bravi e a ubbidire ai genitori.

 

Alla fine la torta è stata un premio perfetto per tutti!

 

 

 

Abbiamo trascorso una giornata deliziosa: e forse il segreto è proprio tornare bambini, e giocare con i nostri figli lasciando da parte tutto il resto!

 

Post in collaborazione con Typelovers!

Festa!

Prima Comunione: alcune idee deliziose

La nostra vita è costellata da tanti eventi piccoli e grandi che ne segnano il percorso e il cui ricordo rimane per sempre nel nostro cuore.

 

Per Alice, Agnese e Giulia la Prima Comunione è stato il primo grande evento “pubblico” che, oltre il significato spirituale, ha rappresentato e rappresenterà anche in futuro una giornata da ricordare!

Quando ci siamo incontrate la prima volta insieme alle loro mamme, tutte erano un po’ emozionate ma poi, chiacchierando abbiamo sciolto il ghiaccio e scoperto insieme quali erano le loro cose preferite e come vedevano questo giorno.

 

Le mamme desideravano qualcosa di semplice che comunque rendesse particolare l’evento da condividere con i parenti e gli amici più cari. Qualcosa di leggero che in qualche modo rispecchiasse anche la giovane età delle festeggiate le quali, tra le tante cose dette hanno espresso tutte un chiaro e ben definito desiderio: che ci fosse tanto rosa, il loro colore preferito.

 

Alla fine abbiano scelto delle impalpabili decorazioni di carta rigorosamente fatte a mano per Alice, delle bomboniere a forma di tazza da tè per Giulia e una scatolina e tante margherite per Agnese.

Stesso tema dunque dai segnaposti ai confetti e il rosa, ovviamente, è stato il colore principe e tema conduttore.

I fiori del centrotavola e le piccole decorazioni hanno accompagnato felicemente tutto l’allestimento.

 

E tutte sono state contente del risultato e il premio più bello è stato il loro grande sorriso!!!!